Lo smog provoca danni seri al cuore degli adolescenti e ne aumenta il rischio infarto. A presentare tali conclusioni, durante la conferenza della European Society of Cardiology a Londra, i ricercatori polacchi della Jagiellonian University di Cracovia. Gli esperti puntano a smentire la credenza che l’inquinamento atmosferico non produca alcun effetto sulla salute cardiovascolare dei più giovani.

Durante lo studio sugli effetti dello smog sono stati analizzati i profili di oltre 800 giovani tra i 16 e i 22 anni d’età, residenti nelle città di Cracovia e Lublino: la differenza principale ai fini della ricerca è rappresentata dal livello di inquinamento atmosferico, doppio per quanto riguarda la prima.

È stata analizzata inoltre la concentrazione nel sangue dei ragazzi di alcune specifiche proteine per valutare la presenza di di infiammazioni in corso nel loro organismo: valori sensibilmente più alti sono stati registrati negli adolescenti esposti a maggiori quantità di polveri sottili e altri inquinanti come il biossido di azoto, con picchi nei soggetti obesi.

Come ha affermato dall’autore principale dello studio, Krzysztof Bryniarski della Jagiellonian University di Cracovia:

Questo dimostra che vivere in città molto inquinate può avere un impatto sul rischio cardiovascolare anche in età precoce, attraverso un’infiammazione cronica. È la prima volta che si vede un legame tra la residenza in una città particolarmente inquinata e il rischio in giovani adulti, che di solito si ritengono immuni dal problema.

31 agosto 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento