Abbiamo già parlato del motore a gas nobili. Pure Energy System ha da poco dedicato un ulteriore approfondimento a questa promettente tecnologia, anche per segnalarne il sito ufficiale.

Il motore a gas nobili è in realtà una vecchia scoperta degli anni ’70, messa a punto da Joseph Papp. Il motore Papp, però, non ha mai raggiunto un livello tecnologico sufficiente per approdare sul mercato. Un limite che quelli di PlasmERG vogliono superare applicando alla vecchia teoria le potenzialità dell’ingegneria attuale. Il risultato sarebbe un motore con bassissimi consumi alimentato con un carburante decisamente più economico di benzina e gasolio. Insomma, una vera e propria rivoluzione.

Per quel che abbiamo potuto capire – ringraziamo per la consulenza il dott. Antonino Ducato, dottorando in Ingegneria Meccanica all’Università di Palermo – la parte meccanica di questo nuovo motore non dovrebbe presentare particolari differenze con quelle di un classico motore a scoppio. A variare, e di molto, sarebbe la fonte energetica.

Riempendo i cilindri di una mistura di gas nobili si ottiene una situazione ottimale per la creazione del plasma – non diversamente dalle classiche lampade al plasma, derivate dall’invenzione di Tesla. Una scarica elettrica, dovrebbe allora, secondo la legge di Paschen, ionizzare il gas, creando il plasma. Questo plasma, che si sviluppa in una porzione molto piccola di spazio, riscalda la restante parte del gas, facendolo espandere rapidamente. Espansione che dà moto al pistone e al motore tutto.

Nucleo del motore è allora quella che Inteligentry (l’altra associazione che collabora allo sviluppo dell’invenzione) definisce una “palla di luce”, ovvero una “palla” ad alto voltaggio (che immaginiamo dia le scariche elettriche al gas). Ma il vero fulcro sarebbe il sistema elettronico di controllo. Proprio la gestione delle fasi della reazione chimico-elettrica sarebbe infatti la cosa più complessa, in un sistema tutto sommato semplice.

Inteligentry ha ormai provato l’hardware del motore e la mistura di gas può essere molte cose, ma senza controllo non funziona. Il nostro sistema di controllo elettronico è di molto il più potente e flessibile che ci sia e stiamo lavorando sulla sicurezza.

Certamente, mancano ancora dettagli tecnici soddisfacenti. Né test pubblici veramente probanti, né dati e calcoli specifici sono a nostra disposizione per stabilire se il motore PlasmERG sia o meno davvero funzionante. Intanto, però, un nuovo prototipo sarebbe in fase di ultimazione (come potrete vedere dalle foto). Nuove informazioni dovrebbero essere pubblicate a fine febbraio, dopo che i laboratori saranno aperti al pubblico (il 25 e il 26). Come nel caso dell’E-Cat di Andrea Rossi, continueremo a tenervi aggiornati.

31 gennaio 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Dikije, mercoledì 7 novembre 2012 alle1:35 ha scritto: rispondi »

Perche non Vi informate sui gas nobili prima di parlare? anzi alzate la testa e guardate qualche lampada al neon , forse qualcosa in mente vi verrà

Shad, lunedì 20 febbraio 2012 alle13:00 ha scritto: rispondi »

@GG: sì questo l'abbiamo capito, ma così non produci energia, la trasferisci e basta. Deve esserci una batteria per generare la scarica elettrica. Quindi quale sarebbe il vantaggio?? Parrebbe un motore elettrico con un passaggio in più, inutile, che lo fa assomigliare a un motore a scoppio...

G.G., giovedì 2 febbraio 2012 alle21:18 ha scritto: rispondi »

se ho capito bene, il punto è proprio il gas che si scalda all'istante e si espande come esplodendo. Insomma, alla fine si avrebbe un movimento di pistoni paragonabile a quello di un motore a scoppio

G.G., giovedì 2 febbraio 2012 alle21:18 ha scritto: rispondi »

se ho capito bene, il punto è proprio il gas che si scalda all'istante e si espande come esplodendo. Insomma, alla fine si avrebbe un movimento di pistoni paragonabile a quello di un motore a scoppio

Stevrobert, giovedì 2 febbraio 2012 alle16:54 ha scritto: rispondi »

Ok, e quale sarebbe la fonte energetica di questo motore? Creare un plasma con una scarica elettrica non dovrebbe liberare nessuna energia... anzi, dovrebbe consumarne e scaldare il gas... Mah!!

Lascia un commento