Il gatto batte i denti: è un movimento veloce della mandibola, spesso accompagnato da piccoli versi, e tradisce molta tensione. Ma perché lo fa? Non è certo la conseguenza di un colpo di freddo improvviso, oppure dell’ansia data dalla paura. Il felino elegante dal passo sornione, battendo i denti ripetutamente, lancia un segnale preciso alla sua preda o all’obbiettivo della sua caccia.

>>Scopri come scegliere il cibo per gatti

È un avvertimento, una sfida, la pregustazione del sapore che produrrà la carne della preda sotto i suoi dentini aguzzi. Il gatto emette questo particolare movimento in presenza di un obiettivo, solitamente un passerotto oppure una lucertola, o ancora un insetto. E mentre attende nascosto nell’erba l’attimo del balzo finale, il gatto già pregusta il sapore della vittoria.

Una reazione istintiva, uno stato di forte eccitazione, un comportamento scritto nel DNA, che può avvenire anche nel caso in cui la preda sia troppo lontana e quindi non facilmente catturabile. Ad esempio appollaiata sul ramo più alto di un albero mentre il gatto, recluso dietro il vetro della finestra, la osserva bramoso di conquista e desiderio.

>>Leggi perché i gatti sono dei serial killer

Intanto il nostro amico miagola sommessamente battendo i denti a ripetizione, fremente e nervoso e in cerca di risultati concreti. E per combattere la sua frustrazione momentanea, causata dall’inattuabilità del piano, il temibile felino domestico mastica minaccioso in attesa di raggiungere il suo scopo finale.

22 maggio 2013
Fonte:
Lascia un commento