La barbabietola è un frutto della terra che contiene proteine, potassio, fibra e vitamine A e C. I suoi utilizzi in cucina possono essere molteplici anche per via della sua impostazione scenografica: il colore fa tantissimo in queste situazioni e la barbabietola rossa ne possiede davvero molto. Una delle ricette che si presta a valorizzare quest’ingrediente è una ricetta vegan, ossia quella della pasta alla barbabietola rossa.

Non occorrono particolari ausili in cucina, eccetto un forno a microonde e un frullatore. Si tratta di un primo piatto oppure un piatto unico, dato che si adatta anche alle diete dimagranti. Gli ingredienti per questa ricetta vegan sono pensati per quattro persone. Le barbabietole si trovano spesso anche già lessate al supermercato, nel banco della frutta e della verdura, ma non cambia molto comprandole crude, eccetto il processo della bollitura.

Barbabietole rosse

Ingredienti:

  • 400 g di pasta corta;
  • 2 barbabietole;
  • 50 g di tofu;
  • 80 g di noci;
  • sale qb;
  • pepe qb;
  • olio d’oliva qb;

Preparazione

  • Lavare e lessare le barbabietole. Dopo averle scolate, frullarle con 40 g dei gherigli di noci, la metà del proprio budget di noci, in pratica. Se si sono acquistate le barbabietole già lesse, basta usare direttamente il frullatore;
  • Unire il tofu, il sale e il pepe e continuare a frullare, finché l’impasto non si è fatto cremoso. ;
  • Passare tutto al microonde per riscaldare, aggiungendo preventivamente un filo d’olio e mescolare con un cucchiaio;
  • Bollire la pasta in acqua salata, scegliendo un taglio abbastanza “simpatico”, rigatoni, pennette, fusilli o farfalle, l’importante e che si tratti di pasta corta. Scolarla e condirla, ultimando con gli ultimi gherigli di noci e una spolverata di pepe. Il piatto deve essere di buon impatto visivo ma al tempo stesso può essere arricchito con il pepe dal punto di vista del sapore;

1 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento