Anche la produzione di pomodoro per passate, sughi e salse può essere amica dell’ambiente? Si possono ridurre le risorse consumate dall’agricoltura, in un’ottica di sostenibilità ambientale? La risposta è certamente affermativa: lo spiega un’infografica di Mutti, noto produttore di prodotti e condimenti a base di pomodoro, grazie a una collaborazione con il WWF. Il segreto è nella riduzione del consumo dell’acqua e le emissioni di anidride carbonica in atmosfera.

>>Leggi delle risorse idriche italiane a rischio

Il progetto di sostenibilità avviato con il WWF parte innanzitutto dall’acqua. Le risorse idriche d’acqua dolce per la coltivazione sono per definizione limitate, così si è deciso di misurare l’impronta idrica (Water Footprint) suddividendo il prezioso liquido in tre tipologie: l’acqua verde o il volume d’acqua piovana, l’acqua blu ovvero il volume superficiale tratto per procedimenti agro-industriali quali l’irrigazione, l’acqua grigia o inquinata dai processi agro-industriali come il ricorso a pesticidi. Constatando come il 70-80% dell’acqua dolce sia usato proprio dall’agricoltura, Mutti ha quindi deciso di ridurre del 3% il suo footprint annuale, cercando di far più ampio ricorso all’acqua verde e all’acqua blu. Un risparmio davvero ingente, equivalente a:

  • 400 piscine olimpioniche; ;
  • 6 Colossei pieni di acqua;
  • 7 milioni di vasche da bagno;
  • acqua per 1.250.000.000 di piatti di pasta.

Per farlo, il gruppo interverrà sulla produzione del pomodoro con nuove tecnologie di irrigazione (acqua blu) e riducendo al minimo il ricorso a fertilizzanti e altri elementi tossici (acqua grigia). In aggiunta a questo, la società investirà sull’abbattimento del proprio Carbon Footprint regolando l’immissione in atmosfera di anidride carbonica. Questi gli interventi progettati:

  • Misure tecnologiche (45%), modifiche o ottimizzazioni sugli impianti esistenti;
  • Utilizzo di fonti rinnovabili (27%): installazione di circa 10.000 mq di fotovoltaico (produzione stimata a circa 1.050.000 kWh/anno) e di un impianto a biomassa (produzione stimata circa 500.000 kWh/anno);
  • Misure organizzative (28%): definizione di procedure interne per la gestione dell’energia con relativa attribuzione di responsabilità.

Così facendo, Mutti arriverà alla riduzione del 19% del suo carbon footprint, con 2.694 tonnellate di CO2 emesse in meno, equivalenti a 12.250 voli aerei tra Londra e Milano.

3 luglio 2013
Lascia un commento