Buone notizie oltre confine. La Svizzera conferma quanto già annunciato a maggio: dirà addio al nucleare. Nei piani energetici elvetici per il futuro, accanto all’idroelettrico e le altre rinnovabili non ci sarà spazio per l’atomo.

La direzione intrapresa è quella della dismissione immediata degli impianti non sicuri e dello stop alla costruzione di nuove centrali. Le centrali a più alto grado di sicurezza, invece, continueranno a funzionare fino alla loro chiusura “naturale”, quindi in alcuni casi ancora per qualche decennio.

Anche per queste ragioni, la Svizzera continuerà comunque ad investire nel settore della ricerca: gestione delle centrali attualmente attive, problema delle scorie e non ultimo la lunga fase di smantellamento che dovrà passare, pretende la presenza di tecnici specializzati in materia.

Ad ogni modo, il Consiglio Nazionale ha intrapreso una precisa direzione di attenzione alla questione ambientale. Danno prova di questo atteggiamento anche le nuove disposizioni sulla trasparenza sull’origine dei combustibili delle centrali atomiche ed i nuovi incentivi alle fonti rinnovabili.

7 dicembre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Alfonso Aureli, giovedì 8 dicembre 2011 alle5:07 ha scritto: rispondi »

Scrivi il tuo commento qui.Si può realizzare un GENERATORE di CORRENTE  da 6 Kw ed oltre, che fa risparmiare il 99,99 %, d’energia elettrica, lo 0.01% serve per l’avvio.  “praticamente non consuma nulla”.Progetto del 1997. Mai brevettato per ovvie ragioni dal Signor Alfonso Aureli “. Lo stesso principio si può adattare alle autovetture elettriche, ottenendo + velocità e consumi illimitati a costo zero. Saluti Aureli.  È una valida soluzione contro il nucleare; pannelli Solari e Voltaico. NB: Questo è un vero generatore, i generatori creati dagli Scienziati: Zamboni; Baumann e Marinon; Sono delle ABBOZZE!..  

Lascia un commento