Gommage del viso: cosa è, come si realizza

Per garantire luminosità e tono alla pelle del viso, è indispensabile effettuare, a cadenza regolare, una pulizia che rimuova le impurità e le cellule morte senza tuttavia agire con eccessiva aggressività: questa la funzione primaria del gommage, un trattamento esfoliante molto delicato ma estremamente benefico.

Da non confondere con lo scrub, il gommage si basa sul medesimo principio esfoliante ma si realizza usando agenti idratanti e cremosi uniti a microgranuli sottili presenti in dosi decisamente limitate, al fine di produrre un effetto leggermente abrasivo che rimuova le impurità senza danneggiare l’epidermide più delicata.

=> Scopri i benefici della maschera al cetriolo per il viso


Sia lo scrub sia il gommage, tuttavia, dovrebbero essere evitati in presenza di irritazioni causate dal sole o dal freddo, così come quando la pelle del viso è soggetta couperose o altre manifestazioni di carattere dermatologico. Per entrambi i trattamenti vale un principio saldo: i migliori risultati si ottengono effettuando la pulizia con regolarità e preparando adeguatamente la pelle.

Modalità d’uso

Prima di applicare il gommage sul viso è indispensabile effettuare una detersione ottimale, eliminando ogni traccia di trucco e preferibilmente dilatando i pori, ad esempio esponendosi al vapore per alcuni minuti. Il prodotto ha una consistenza cremosa e può essere acquistato già pronto – in questo caso optando per una composizione povera di agenti chimici – oppure preparato in casa adoperando ingredienti naturali.

Deve essere applicato sulla pelle del viso effettuando massaggi circolari e insistendo soprattutto nella zona “T”, quindi fronte, naso e mento. Il contorno occhi, invece, deve essere risparmiato dal trattamento e una particolare attenzione deve essere riposta per proteggere gli occhi dall’eventuale ingresso di microgranuli.

=> Scopri consigli e rimedi naturali per la zona T


Dopo aver massaggiato per alcuni minuti è possibile procedere con il risciacquo, a base di acqua tiepida, eliminando ogni residuo in modo da lasciare la pelle completamente liscia e perfettamente pulita. Per quanto riguarda la frequenza del gommage, effettuarlo una volta alla settimana dovrebbe essere sufficiente per ossigenare al meglio la pelle.

Gommage fai da te

Per preparare in casa un gommage per il viso è necessario, in primis, capire su quale tipologia di pelle deve essere applicato.

In caso di pelle secca e delicata, ad esempio, è fondamentale evitare ogni trattamento aggressivo ma adoperare ingredienti che possano dare nutrimento a lungo. Ecco un esempio:

  • una parte di yogurt bianco naturale;
  • due parti di zucchero a velo.

I due ingredienti devono essere amalgamati fino a creare una crema abbastanza liscia, da applicare massaggiando delicatamente lasciandola in posa per alcuni minuti prima di lavare il viso con acqua tiepida.

Se la pelle è particolarmente grassa, invece, il gommage deve essere realizzato a base di componenti che possano favorire un effetto astringente, come il succo di limone. Una variante prevede:

  • una parte di yogurt bianco naturale;
  • due parti di zucchero a velo.
  • succo di limone.

Il procedimento di stesura e risciacquo è il medesimo descritto sopra. Un’altra variante ideale per tutti i tipi di pelle, infine, si basa sulla preparazione di un gommage cremoso a base di:

  • tre dosi di olio di mandorle dolci;
  • due dosi di miele;
  • due dosi di zucchero a velo o zucchero di canna purché sia molto fine.

4 dicembre 2017
Lascia un commento