Il mondo della tecnologia consumer verde è più vivo che mai, soprattutto per quanto riguarda gli smartphone. E dopo il concept del telefonino componibile come un Lego, arriva dall’Olanda l’interessantissimo progetto di una startup: Fairphone, lo smartphone ecologico ed etico.

Presentato al Festival del Design di Londra, Fairphone ha già 15.000 acquirenti al “prezzo politico” di 325 euro, che riceveranno un esemplare entro la fine di dicembre. Lo smartphone si caratterizza sia per la ricerca di materiali il più possibile riciclabili e di facile smaltimento, che per le idee di sostenibilità umana che sono alla base della sua produzione.

Il leitmotiv dell’intera iniziativa, cominciata tre anni fa dal designer olandese Bas van Abel e oggi finalmente tradotta in un prodotto reale, è rendersi conto che la produzione di un device di ampio consumo non potrà mai essere al 100% ecologica, per la natura stessa dell’elettronica. Tuttavia, è possibile ridurne al minimo l’impatto, affinché un terminale sia il più possibile environmental-friendly e lontano da logiche di sfruttamento. Così Fairphone viene prodotto da uno stabilimento in Cina dove i diritti dei lavoratori sono garantiti e lo stipendio è equo. Inoltre, il coltan in esso contenuto – un minerale essenziale per l’industria degli smartphone, responsabile di guerre e veri e propri genocidi in quel del Congo – proviene da giacimenti certificati lontani da organizzazioni criminali e bande armate.

Dal punto di vista delle caratteristiche hardware, Fairphone è un progetto a scatola chiusa, ovvero non si conoscono ancora con certezza le performance. Dai dettagli trapelati, pare che ospiterà l’ultima versione disponibile sul mercato di Android – quindi a dicembre probabilmente la 4.3, Android KitKat – e il telefono sarà dual SIM. Gran parte delle componenti esterne saranno completamente riciclabili, vi sarà facile accesso all’hardware interno per riparazioni anche casalinghe e la batteria sarà completamente rimovibile. Il rendering del primo modello sembra essere molto elegante – con un’alternanza di tonalità del grigio – e il device pare inserirsi sulla fascia medio-alta del mercato.

20 settembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Via:
Lascia un commento