Incendi Amazzonia

Mai come nel 2019 si sono verificati così tanti eventi incendiari nella Foresta Amazzonica. Oltre 75.000 incendi hanno devastato il Polmone della Terra solo quest’anno, con un aumento dell’83% rispetto al 2018. Una distruzione tra le più gravi degli ultimi anni che rischia di contribuire in modo determinante al cambio degli equilibri dell’ambiente. Cerchiamo di capirne le cause e analizziamo gli aspetti più preoccupanti di questo ennesimo disastro ambientale.

Incendio Amazzonia: cos’è successo e perché

In pieno agosto, decine di migliaia di roghi sono stati segnalati, tanto da attirare l’attenzione dei media di tutto il mondo. La coltre di fumo è talmente vasta da poter essere vista persino dai satelliti, ed ha ormai raggiunto la città di San Paolo, a quasi 3.000 km dal luogo di origine dell’incendio.

Al contrario di quanto pensino in molti, questi incendi non sono dovuti al riscaldamento globale: le temperature sono stabili e le precipitazioni poco sotto alla media. Il clima secco, tuttavia, favorisce la diffusione delle fiamme, una volta che queste siano state generate. Come ribadisce l’INPE (l’Istituto nazionale di ricerche spaziali del Brasile), è quasi sempre l’uomo ad accendere la miccia: la foresta pluviale è, del resto, un ambiente particolarmente umido. È la deforestazione la vera causa di questo disastro: agricoltori, allevatori e imprese del settore zootecnico bruciano intenzionalmente porzioni di foresta per creare nuovo spazio alle loro attività, nonostante ciò sia illegale – specialmente nella stagione secca – e leda irrimediabilmente la Terra, causando sia danni alla biodiversità che l’aumento dei gas serra.

Foresta Amazzonica: estensione e importanza

Per rendersi conto delle proporzioni di questo disastro, occorre fare ricorso a qualche dato. La sola Foresta Amazzonica occupa una superficie di oltre 5,5 milioni di chilometri quadrati, oltre la metà dei quali in territorio brasiliano, divisa tra gli Stati di Amazonas, Rondônia, Mato Grosso e Pará.

Il Polmone della Terra, tuttavia, tocca anche altri Paesi del Sud America, come Colombia, Venezuela, Perù e Bolivia. Questi ultimi, a differenza del Brasile, sono allarmati per la situazione e stanno cercando accordi e aiuti internazionali per fronteggiare gli incendi. A rischio, infatti, vi è la produzione del 20% dell’ossigeno sulla Terra e il mantenimento del clima di tutta questa immensa area. A luglio, infatti, sono bruciati ben 225.000 ettari di foresta – un’area più vasta dell’intera Germania – e ormai oltre il 15% della foresta pluviale amazzonica è andato perduto (rispetto alle sue dimensioni originarie, prima della comparsa dell’uomo). Il disboscamento del 20-25% del Polmone della Terra farebbe sì che questa immensa area si trasformi in savana, cambiando per sempre l’assetto del nostro mondo.

Donazioni e aiuti per domare i roghi

L’opinione pubblica si è finalmente mobilitata per cercare quantomeno di arginare l’ondata di distruzione che sta avvenendo. Personaggi pubblici come Leonardo di Caprio hanno investito ingenti somme in donazioni, le ONG hanno lanciato campagne di fundraising, il Presidente Macron ha proposto lo stanziamento di fondi europei per aiutare gli Stati in difficoltà.

La posizione di Bolsonaro sull’incendio in Amazzonia

Jair Bolsonaro, Presidente del Brasile, è stato duramente attaccato da diversi personaggi politici e istituzionali per le sue azioni relative alla vicenda degli incendi in Amazzonia. Il politico, infatti, continua a minimizzare le proporzioni dei danni inflitti all’ambiente e anzi accusa le ONG di aver appiccato i roghi per poter attaccare la sua politica. Egli ha inizialmente rifiutato gli aiuti europei e ha mobilitato invece l’esercito e i vigili del fuoco per domare le fiamme (pur non rivelando come).

Per gli aggiornamenti sui devastanti incendi della foresta pluviale in Amazzonia, seguite GreenStyle.

Amazzonia, da polmone verde a nemica del clima?
Amazzonia, da polmone verde a nemica del clima?
Cambiamenti Climatici

Amazzonia, da polmone verde a nemica del clima?

Amazzonia, da polmone verde a nemica del clima: a causa dell’uomo, la foresta potrebbe non trattenere più anidride carbonica e metano.

Incendi in Amazzonia: danni irreversibili entro 10-15 anni
Cambiamenti Climatici

Incendi in Amazzonia: danni irreversibili entro 10-15 anni

Gli incendi in Amazzonia potrebbero portare a una distruzione irreversibile delle foreste: il punto di non ritorno potrebbe verificarsi entro 10-15 anni.

Amazzonia: persa in un anno area grande 1,4 milioni di campi di calcio
Incendi Amazzonia

Amazzonia: persa in un anno area grande 1,4 milioni di campi di calcio

Gli incendi e la deforestazione in Amazzonia sono costati in un anno un’area di foresta amazzonica grande quanto 1,4 milioni di campi di calcio.

Foresta Amazzonica: quanto è grande e dove si trova
Cambiamenti Climatici

Foresta Amazzonica: quanto è grande e dove si trova

L’Amazzonia è una delle aree verdi e boschive più estesa del Pianeta: ecco dove si trova, quali Paesi attraversa e la sua biodiversità.

Animali della Foresta Amazzonica, quali sono
Animali esotici

Animali della Foresta Amazzonica, quali sono

La Foresta Amazzonica può vantare una moltitudine di presenze animali uniche e spesso rare: ecco quali sono le specie più diffuse.

Leonardo DiCaprio, 5 milioni per fermare gli incendi in Amazzonia
Biodiversità

Leonardo DiCaprio, 5 milioni per fermare gli incendi in Amazzonia

Leonardo DiCaprio ha annunciato, tramite l’Earth Alliance Foundation, lo stanziamento di 5 milioni di dollari per gli incendi in Amazzonia.

Amazzonia, l’Onu non basta: serve un nuovo organismo che difenda l’ambiente
Cambiamenti Climatici

Amazzonia, l’Onu non basta: serve un nuovo organismo che difenda l’ambiente

Gli incendi devastano l’Amazzonia: per contrastare le scelte di Bolsonaro serve l’intervento di un organismo che superi il Programma delle Nazioni Unite.

Amazzonia: Brasile apre alle miniere nella foresta pluviale
Deforestazione

Amazzonia: Brasile apre alle miniere nella foresta pluviale

Nuova minaccia deforestazione per la foresta pluviale amazzonica in Brasile, il governo Bolsonaro torna a parlare di miniere alla Renca.

Mondiali 2014 in Brasile: i possibili danni per l’ambiente
Cambiamenti Climatici

Mondiali 2014 in Brasile: i possibili danni per l’ambiente

A poco più di un mese dai Mondiali 2014 in Brasile, e nonostante le rassicurazioni della FIFA, crescono le preoccupazioni ambientali sull’Amazzonia.