Greenstyle Mobilità Cos’è il retrofit elettrico e come trasformare un’auto in elettrica

Cos’è il retrofit elettrico e come trasformare un’auto in elettrica

Grazie al retrofit elettrico è possibile trasformare una vecchia vettura a motore endotermico - a benzina, diesel o gas - in un'auto elettrica. Per farlo, vi sono degli appositi kit omologati a livello ministeriale, da montare in sostituzione delle vecchie componenti interne della vettura, ottenendo così una trasformazione completa. I veicoli sottoposti a retrofit devono però essere nuovamente omologati e richiedono una nuova iscrizione al PRA.

Cos’è il retrofit elettrico e come trasformare un’auto in elettrica

Fonte immagine: Unsplash

Cosa si intendere per retrofit elettrico e quali sono i passaggi per trasformare un’auto a motore endotermico in elettrica? Da qualche tempo a questa parte, sta sempre prendendo più piede il cosiddetto retrofit: la conversione di vecchie vetture con motore benzina o diesel in elettriche. Per farlo, così come facile intuire, gran parte delle componenti presenti sotto al cofano vengono modificate, per ospitare un motore alimentato proprio a energia elettrica e, naturalmente, un pacco batterie.

L’operazione di conversione richiede l’intervento di mani esperte e, fatto non meno importante, impone una nuova omologazione del mezzo e un’altrettanto nuova iscrizione al PRA. Sulle modalità e le caratteristiche previste per legge affinché la conversione sia valida, il riferimento è quello del cosiddetto “Decreto Retrofit”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nel gennaio del 2016, comprese le successive modificazioni.

Cosa è il retrofit elettrico

Per retrofit elettrico si indica il processo che permette di trasformare una vettura a motore endotermico – a benzina, diesel oppure a gas – in un’auto elettrica. Molto apprezzato tra appassionati e collezionisti, viene oggi praticato per riportare su strada vecchie automobili, non a caso si tratta di una modifica che coinvolge soprattutto i veicoli Euro 0, Euro 1 ed Euro 2.

In linea esemplificativa, gran parte delle componenti originali sotto al cofano vengono rimosse, affinché la nuova vettura possa ospitare un motore completamente elettrico e un pacco batterie. A questo scopo, esistono degli appositi kit di conversione che possono essere installati con l’aiuto di un’officina specializzata, tuttavia i più esperti possono anche lanciarsi nella trasformazione in piena autonomia.

Il retrofit elettrico può essere considerato come una vera e propria forma di riqualificazione energetica, utile per continuare a vivere le emozioni che solo le grandi auto del passato regalano, riducendo però il proprio impatto sull’ambiente. Come tutte le auto elettriche, infatti, anche quelle sottoposte a retrofit non emetteranno gas inquinanti durante il loro utilizzo, poiché ovviamente nel loro motore non avviene alcuna combustione e non vi è, quindi, tubo di scappamento. Allo stesso modo, le auto sottoposte a retrofit possono essere caricate tramite la colonnina domestica o avvalendosi dei punti di ricarica di strada.

Come si trasforma un’auto endotermica in elettrica

Retrofit Fiat 600
Fonte: Leonard G. via Wikipedia

Il processo di conversione di una vettura endotermica in un’auto elettrica può essere realizzato sia in autonomia che, soprattutto per coloro che non hanno grande esperienza, tramite un’officina specializzata. Per farlo, è necessario innanzitutto scegliere un kit di retrofit che possa adattarsi alla propria automobile, solitamente composto da:

  • un propulsore elettrico, in sostituzione del motore endotermico presente;
  • un pacco batterie al litio sufficientemente dimensionato, purché dotato di tutti i sistemi di sicurezza per l’erogazione dell’energia elettrica e la ricarica;
  • una presa per la ricarica, solitamente installata dove precedentemente risultava posizionato il tappo del serbatoio del carburante;
  • tutte le componenti elettriche ed elettroniche che permettono a batterie e motore di interfacciarsi, nonché alimentare l’abitacolo, il cruscotto e molto altro ancora.

Semplificando, l’opera di trasformazione prevede la rimozione delle vecchie componenti non più necessari, con l’installazione delle nuove nella stessa posizione. È però utile ricordare che, come accade pressoché per tutte le auto elettriche, con la conversione si perderà il pedale della frizione e si andrà a modificare anche la leva del cambio: i veicoli alimentati a batteria prevedono infatti il cambio automatico.

La regolarizzazione del mezzo trasformato

Come previsto per legge, innanzitutto il retrofit di un’auto deve avvenire con kit omologati da costruttori autorizzati, che quindi hanno superato i collaudi previsti a livello statale. Una volta modificata la vettura, tuttavia, non ci si può subito lanciare in strada, è necessario seguire due ulteriori passaggi:

  • omologare nuovamente l’auto;
  • chiedere una nuova registrazione al PRA, ovvero il Pubblico Registro Automobilistico.

Vantaggi della conversione dell’auto

Sono molti i vantaggi che derivano dalla trasformazione di una vecchia auto endotermica in elettrica. Innanzitutto, la possibilità di continuare a guidare un modello iconico o molto amato, senza imbattersi in limitazioni alla circolazione o blocchi del traffico, dovuti alla classe ambientale ridotta assegnata ai veicoli meno recenti. Dopodiché, vi sono sia vantaggi ambientali che economici:

  • l’auto sottoposta a retrofit è a tutti gli effetti una 100% elettrica e, per questa ragione, gode dei medesimi benefici per la circolazione, come l’accesso alle ZTL;
  • durante l’utilizzo non si emettono gas climalteranti, a tutto vantaggio per l’ambiente. Esattamente come accade per le altre auto elettriche, le emissioni dovute alla ricarica dipendono dalla modalità prescelta: se si ricarica approfittando di energia prodotta da fonti rinnovabili, l’impatto è davvero ridotto;
  • si risparmia infine sui consumi, poiché ricaricare il pacco batterie composta generalmente una spesa decisamente più ridotta rispetto al pieno di carburante.

Quanto costa il retrofit elettrico

Carica auto elettrica
Fonte: Unsplash

Ma quanto costa il retrofit elettrico? Fornire cifre precise non è semplice, poiché molto dipende dalla tipologia di automobile in proprio possesso, la sua cilindrata e i lavori di adattamento che dovranno essere condotti. In media, il kit per le utilitarie si aggira attorno alle 6.000/7.000 euro, mentre per berline e sportive si parte dai 15.000 euro, fino anche a superare i 30.000.

Ovviamente, il kit non rappresenta l’unica spesa. Bisognerà anche considerare la manodopera e i lavori dell’officina, se si desidera avvalersene, nonché le spese di omologazione e di nuova iscrizione al PRA. Quest’ultima in media richiede sui 150 euro, comprensivi di bollo, diritti di motorizzazione ed emolumento PRA.

Fonte:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Città intelligente: cos’è e come funziona una smart city
Outdoor

Le città intelligenti usano la tecnologia digitale per migliorare la sicurezza pubblica, l’efficienza energetica, la sostenibilità e la qualità generale della vita. In una smart city i cittadini sono infatti supportati nelle proprie attività di tutti i giorni dalle ICT. E se è vero che entro il 2050 il 70% della popolazione vivrà nei grandi centri urbani, queste realtà possono aiutare.