Greenstyle Ambiente Inquinamento Morti per inquinamento, il doppio di quanto previsto

Morti per inquinamento, il doppio di quanto previsto

Morti di inquinamento, le cifre sono doppie rispetto alle più nefaste stime degli analisti: lo rivela un nuovo studio.

Morti per inquinamento, il doppio di quanto previsto

Fonte immagine: Unsplash

Il tasso di morti per inquinamento ha raggiunto cifre doppie rispetto alle più nefaste previsioni degli analisti, raggiungendo quota 8 milioni di persone nel 2018. È quanto rivela un nuovo studio condotto dall’Università di Harvard, l’Università di Birmingham, l’Università di Leicester e l’University College di Londra. A essere maggiormente colpiti sono il Sudest Asiatico, l’America del Nord e parte dell’Europa.

In particolare, l’aumento di inquinanti in atmosfera – come i pericolosi PM 2.5 – hanno aumentato patologie respiratorie in tutto il mondo, soprattutto forme estremamente gravi di asma. I maggiori responsabili della diffusione di questi contaminanti sono i combustibili fossili, impiegati sia per il trasporto che per il riscaldamento delle abitazioni o la produzione di energia.

Morti da inquinamento, cifre record

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research, ha rilevato come l’esposizione a particolato sottile sia responsabile del 18% di tutti i decessi a livello mondiale, pari a 8.7 milioni di persone nel 2018. Una cifra addirittura doppia rispetto alle stime elaborate da precedenti studi: nel 2019, infatti, i modelli matematici avevano previsto “solo” 4.2 milioni di decessi.

I ricercatori hanno elaborato un sistema integrato per confrontare il numero di decessi con i livelli di inquinamento delle diverse zone del mondo. In particolare, hanno elaborato un modello 3D globale che, avvalendosi delle mappe satellitari e dei dati raccolti a terra sui livelli di PM 2.5, ha evidenziato le zone più colpite del Pianeta. Dopodiché, il globo è stato suddiviso in una griglia con celle da 50×60 chilometri, per rendere le rilevazioni ancora più mirate. Infine, i dati sull’inquinamento sono stati raffrontati al numero di morti per problematiche respiratorie registrate in ogni singola cella.

Lo studio ha evidenziato come Cina, India, Stati Uniti, parte dell’Europa e tutto il Sudest Asiatico siano le aree più colpite del mondo. L’Asia Centrale e Meridionale raggiunge globalmente livelli del 30.7% di morti per inquinamento, l’Asia orientale il 16.8% e l’Europa il 13.1%. Il dato è così elevato per molte nazioni asiatiche poiché, oltre all’impiego di combustibili fossili per trasporti e riscaldamento, vengono spesso accesi roghi per lo smaltimento dei rifiuti o l’eliminazione della plastica.

I ricercatori evidenziano come, se si rispettassero gli obiettivi degli Accordi di Parigi, si potrebbero salvare 6.4 milioni di vite ogni anno migliorando l’alimentazione, 1.6 milioni riducendo gli inquinanti ambientali e 2.1 milioni stimolando stili di vita più sani. Serve però una rinuncia ai combustibili fossili il prima possibile:

In buona coscienza non possiamo più fare affidamento sui combustibili fossili, ormai ben conosciamo i gravi effetti che hanno sulla salute e già oggi abbiamo delle alternative più sicure, pulite e percorribili.

Fonte: CNN

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

L’impatto ambientale della fast fashion, dai rifiuti tessili alle microplastiche
Inquinamento

Il mondo della fast fashion, o moda veloce, ci sta mostrando una serie di problemi di carattere ambientale. Ci sono infatti rifiuti tessili che affollano le discariche, ma anche microplastiche che stanno inquinando le falde acquifere. I tempi del “compro bene e conservo per una vita” sono passati, ma le conseguenze di scelte di acquisto a tempo determinato stanno piegando il pianeta.