Dieta vegana: cibi e menu

Dieta vegana: cibi e menu

Dieta vegana: gli alimenti tra cui scegliere per il menu quotidiano sono tanti, ma al contempo è ricca la lista dei cibi da evitare. Eccola nel dettaglio.

Se seguita correttamente, una dieta vegana equilibrata riesce a essere molto ricca e varia, e non noiosa a lungo andare come in tanti pensano. Sono tantissimi gli alimenti che si possono scegliere per il proprio menu quotidiano, ma cosa non si deve mangiare?

Cosa mangiano i vegani?

Le cose da non mangiare, soprattutto se si è intransigenti, sono comunque tante.
Ecco un elenco dei cibi che i vegani non mangiano:

  • carne
  • pesce;
  • salumi;
  • insaccati;
  • formaggi;
  • latte animale;
  • uova;
  • cereali non integrali e derivati preparati con farine 00 non integrali;
  • burro;
  • miele;
  • pasta all’uovo;
  • bevande alcoliche;
  • cioccolato prodotto con latte animale,

In quest’ultimo caso è possibile optare per il cioccolato fondente o quello prodotto con latte vegetale.
È anche da evitare lo zucchero bianco o lo zucchero di canna che non riporta la dicitura “adatto ai vegani” poiché tradizionalmente viene filtrato con filtri di origine animale. Niente caffè, tè, ma questa è una scelta salutare più che etica, birra, vino e superalcolici in generale. Se proprio non si riesce a resistere alla birra, è possibile acquistarne di qualche marca approvata dai vegan.

Consigli per una Dieta Vegana Salutare

Com’è possibile notare, le categorie di alimenti escluse da un vegano sono molte, ma è comunque possibile ugualmente seguire un regime alimentare corretto e salutare scegliendo le giuste alternative ai prodotti di origine animale. Attenzione soprattutto a non dimenticare le proteine, gli aminoacidi, i sali minerali e le vitamine. Si sottolinea inoltre che l’apporto di ferro nella dieta vegana è più basso rispetto a coloro i quali seguono un’alimentazione onnivora, dato che il ferro è contenuto soprattutto in carne e pesce.

Infine, attenzione anche al calcio, dato che i vegani non mangiano latte e latticini se non di origine vegetale. In questo caso è bene sostituirli con succhi di frutta, latte di soia, polpa di pomodoro, tofu e verdure quali cavoli e broccoli. Chi soffre comunque di una carenza di calcio può scegliere anche gli appositi integratori, da assumere però sotto consiglio del medico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella