Greenstyle Casa & Giardino Casa Riciclo Carta: riciclo in aumento, ridotta la produzione globale

Carta: riciclo in aumento, ridotta la produzione globale

La produzione globale di carta è in leggero calo, ma i consumi e gli sprechi nei Paesi occidentali restano ancora troppo elevati.

Carta: riciclo in aumento, ridotta la produzione globale

La carta ha un impatto ambientale elevato. Per estrarre la cellulosa ogni anno i colossi industriali deforestano migliaia di ettari di boschi, liberando la CO2 immagazzinata nelle piante e togliendo “respiro” al mondo. Il caso della foresta amazzonica, dove la deforestazione selvaggia impera, è emblematico. Per ridurre l’impronta ecologica della carta è essenziale aumentare la percentuale avviata al riciclo e rendere più sostenibile l’intera filiera.

Bisogna però cambiare anche le abitudini dei consumatori, soprattutto nei Paesi occidentali dove lo spreco di carta sono ancora troppo elevati. A sostenerlo è Michael Renner, ricercatore del Worldwatch Institute, in un recente articolo pubblicato dalla rivista telematica Vital Signs Online.

Renner ha spiegato che la produzione mondiale di carta è in calo. Un dato senza dubbio positivo, ciononostante l’esperto sottolinea che si tratta di una flessione troppo lieve per poter tirare un sospiro di sollievo. L’impatto ambientale della carta è decisamente ancora troppo alto.

Secondo Renner, l’unico modo per ridurre l’impronta ecologica della filiera cartacea è agire su più fronti: dall’adozione di pratiche e tecnologie sostenibili negli stabilimenti industriali alla modifica delle abitudini dei consumatori, in special modo di quelli occidentali che hanno ancora una cultura dell’usa e getta ben radicata.

In Europa il consumo di carta pro capite è pari a 125 kg all’anno mentre in America del Nord arriva addirittura a quota 221 kg. Una cifra enorme in rapporto ai 7 kg pro capite consumati ogni anno nei Paesi africani. Malgrado i consumi globali siano in calo, la media rimane elevata proprio a causa degli sprechi nei Paesi occidentali.

L’elemento determinante per ridurre l’impatto della carta è il riciclo. Produrre carta riciclata richiede il 60% di energia in meno. Anche i consumi idrici sono nettamente inferiori, ben l’80% in meno rispetto al fabbisogno di acqua rispetto al processo produttivo della carta vergine.

Produrre carta riciclata riduce inoltre le emissioni di gas serra del 90%. Il riciclo della carta fortunatamente è in aumento: nel 2013 il 54% della carta messa in circolazione era riciclata per un totale di 215 milioni di tonnellate.

Dei 397,6 milioni di tonnellate di carta e cartone prodotti nel 2013 il 54% è stato impiegato per confezionamenti e imballaggi. L’industria del packaging è dunque quella che può fare di più per rendere più sostenibile la filiera della carta: il 26% della carta prodotta a livello globale è stata usata per la stampa e la scrittura, l’8% per i tovaglioli e la carta igienica mentre il restante 7% per giornali e riviste.

Tra i maggiori produttori di carta figurano i due stati più inquinanti del mondo: Cina e Stati Uniti. In Cina l’utilizzo del carbone per produrre energia fa lievitare l’impatto delle cartiere.

Per una tonnellata di polpa occorrono 1,4 tonnellate di carbone e 103 tonnellate d’acqua. Aprire cartiere che utilizzano energia rinnovabile è fondamentale per abbassare l’impronta ecologica della carta. La Cina, negli ultimi anni, fortunatamente sta compiendo passi da gigante su questo fronte.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Arredo giardino fai da te con 5 soluzioni di riciclo dei vecchi oggetti
Consumi

Come trasformare completamente il giardino con soluzioni creative e sostenibili di riciclo. Utilizzate dei pallet come base per divani e poltrone. Trasformate i pneumatici usurati in colorati ed accoglienti salottini. Riutilizzate vecchi scaffali e librerie come supporti per piante. Ancora, convertite le cassette di legno in fioriere rustiche o utilizzate i barattoli di vetro come suggestive lanterne.