Cacciatori Vs. Animalisti: opinioni a confronto

Cacciatori Vs. Animalisti: opinioni a confronto

Pro e contro della caccia. Una raccolta delle opinioni più diffuse su un tema che da sempre mette in contrapposizione animalisti e cacciatori

Dal 1980 al 2006 il numero dei cacciatori è sceso di un milione. Otto italiani su dieci sono contrari alla caccia, mentre vegetariani e vegani hanno raggiunto quasi il 7% della popolazione. Tuttavia, con gli emendamenti alla legge quadro del ’92 si è permesso di sparare fino a un’ora prima del tramonto o ridurre la lista delle specie protette: i successi dei cacciatori sono in sostanza più visibili e tangibili di quelli degli animalisti.

Chi ha ragione? La caccia è uno sport o un massacro di innocenti? Ecco i pro e contro classici dei due punti di vista.

Cacciatori

La caccia è sicura, efficiente e necessaria. Il tasso di ferita da armi da caccia è più basso di altre forme di sport, come il calcio o il ciclismo. Inoltre, la caccia è una forma effettiva di controllo delle specie perché contiene il numero di ogni esemplare, tenendolo in equilibrio ed evitando che si riproducano in maniera eccessiva.

Da quando i grandi predatori naturali si sono estinti in molte regioni, i cacciatori fanno le veci dei lupi, ad esempio riducendo anche gli incidenti tra uomini e animali come quelli d’auto, la malattia di Lyme e i danni al paesaggio.

Al contrario dei tiratori scelti e degli immunocontraccettivi, la caccia non incide molto sulle tasche dei contribuenti perché i cacciatori uccidono gli animali “gratis”. Inoltre per ottenere il tesserino regionale di caccia è richiesto un contributo, ad esempio, di 84 Euro in Friuli Venezia Giulia e in altre regioni italiane. Quindi, nel loro piccolo supportano l’economia nostrana.

Per quanto riguarda il fattore etico, uccidere una lepre per mangiarla non è poi cosi diverso da comprare una bistecca dal macellaio. Inoltre, gli animali selvatici hanno la fortuna di vivere liberi e hanno la possibilità di scappare prima di essere uccisi. In conclusione, la caccia fa bene all’intero ecosistema. Alcuni cacciatori sono contrari ad alcune tipologie come quella competitiva o quella con animali da allevamento immessi in natura.

Animalisti

La caccia è pericolosa, inefficace, non necessaria e costosa per gli italiani. Al contrario di altri “hobby”, le ferite provocate dai cacciatori non sono delle mere fatalità. Circa 50 morti e 80 feriti, come appreso dal sito CacciaIlCacciatore, è un bilancio medio di ogni stagione, coinvolgendo non solo i singoli cacciatori, ma anche i cittadini che non praticano questa attività.

La caccia è inefficace per risolvere gli incidenti tra umani e animali. Studi dimostrano che gli incidenti d’auto con animali selvatici aumentano durante la stagione venatoria, perché i cacciatori spaventano gli animali e questi scappano dai boschi correndo in direzione delle strade. Inoltre, la malattia di Lyme è trasmessa all’uomo tramite le zecche dei ratti e non ad esempio da quaglie e folaghe.

A proposito della deturpazione paesaggistica, anche questa è una falsità perché, tanto per dirne una, dove sono i rododendri ci saranno i cervi attratti da essi, non importa quanti questi siano. La caccia non riduce il numero delle specie perché rimuovendo alcuni individui risulta più cibo per quelli restanti, portando a nuove nascite (soprattutto parti plurigemellari) ed evidenziando l’autoregolazione degli animali. Per la riduzione si possono usare gli immunocontraccettivi.

I territori di caccia sono acquistati e curati anche da chi cacciatore non è, cioè la quasi totalità degli italiani. La caccia non è etica da vari punti di vista. Prima di tutto uccidere un animale per cibarsene è moralmente opinabile, cervo o mucca che sia. Molti credono sia irragionevole definire la caccia come uno sport. Inoltre, la tecnologia moderna ha cancellato ogni tipo di “giustizia” tra cacciatore e preda.

Il dibattito sulla caccia non potrà essere risolto in tempi brevi. Entrambi gli interlocutori discuteranno di sicurezza, costi ed efficacia, ma probabilmente non saranno mai d’accordo sull’eticità della pratica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera