Il Ribes nigrum, detto anche comunemente ribes nero, è una pianta alta circa due metri e ben diffusa in tutta Europa. Appartenente alla famiglia delle grossulariaceae e dal tipico frutto a bacche, il vegetale è ricco di proprietà curative, così come accade per il ribes rosso e per le bacche di goji. Quali sono tali peculiarità e per quali rimedi naturali può ritornare utile?

Sebbene alla vista il ribes nero si differenzi dal corrispettivo rosso solo per l’ovvio colore, vi sono specifiche differenze sia in termini di sapore che di proprietà biologiche. I frutti, maturi tra agosto e settembre, hanno un gusto molto più intenso e presentano un profumo immediatamente riconoscibile, grazie anche alla presenza di oli essenziali.

Proprietà

Il Ribes Nigrum è una pianta davvero completa, tanto che agli scopi di cura vengono utilizzate le gemme, le foglie e i frutti. Le prime sono ricche di flavonoidi e glicosidi, noti per stimolare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Per questo motivo, sono tradizionalmente impiegate per ridurre le infiammazioni oppure come blando antistaminico. La presenza di olio essenziale, inoltre, pare abbia effetti diretti sulle ostruzioni delle prime vie respiratorie, tanto da essere spesso indicate come rimedio popolare per bronchiti e raffreddori.

Le foglie presentano invece triterpeni e polifenoli, utili alla depurazione del corpo, alla diuresi, all’eliminazione delle tossine e del colesterolo cattivo nel sangue. Così come lecito attendersi, però, sono i frutti a presentare la maggior ricchezza: oltre a un quantitativo davvero alto di vitamina C, si rilevano flavonoidi contro le infiammazioni e antociani per la vasoprotezione.

Usi e terapie

Ciotola ribes nero

Berries Black Currants In Bowl, Covered With Dew via Shutterstock

Grazie alle uniche proprietà poc’anzi elencate, il ribes nero è sin dai tempi antichi utilizzato come metodo curativo tradizionale. Solitamente in gemmoderivato, mecerato glicerico ma anche in infusione, le applicazioni pratiche sono le più disparate. Di seguito, alcune delle più note, con una precisazione: prima di qualsiasi somministrazione casalinga, è d’obbligo richiedere un parere al proprio medico curante, perché la pianta può interagire con alcuni farmaci e generare effetti collaterali in alcuni soggetti ipersensibili.

  • Malanni invernali: date le precise capacità antinfiammatorie derivanti dalla stimolazione del cortisolo, il ribes nigrum può essere utile nei casi di raffreddamento dovuti all’inverno. Raffreddori, mal di gola, bronchiti, influenza e stati febbrili passeggeri trovano beneficio dall’assunzione degli estratti delle gemme;
  • Allergie e dermatiti: data la presenza di flavonoidi e quercetina, il ribes nero ha un effetto lievemente antistaminico. È quindi indicato per le irritazioni alle vie respiratorie dovute alle allergie primaverili, ma anche nei casi di orticaria atopica o dermatiti varie;
  • Dolore osseo e muscolare: sempre grazie alla stimolazione del cortisolo, il ribes nero può essere utile nel ridurre i dolori muscolari da affaticamento, così come quelli alle articolazioni, alla schiena o i segnali più blandi di un’artrite;
  • Depurazione: stimolando la diuresi e la pulizia del sangue, la pianta può essere indicata per eliminare le tossine dovute alle più svariate ragioni: da un periodo di alimentazione irregolare all’eccesso di colesterolo cattivo.

Così come per ogni rimedio naturale, anche il ribes nigrum ha specifiche controindicazioni: serve essere ben informati prima delle assunzioni. Tutte le casistiche saranno analizzate in un prossimo articolo dedicato.

26 aprile 2014
I vostri commenti
franco, domenica 27 agosto 2017 alle12:06 ha scritto: rispondi »

si può prendere il ribes nigrum per psoriasi

Elena Guerini, martedì 13 giugno 2017 alle23:49 ha scritto: rispondi »

Salve volevo sapere visto che il ribes nero va bene per la dermatite potrebbe andar bene per le macchie scure sul viso per il sole?Se non va bene mi consiglia cosa fare.grazie.

maria , sabato 6 maggio 2017 alle10:09 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere se posso prendere il ribes nigrum assumendo le gocce di paroxetina e le gocce en

Sara, sabato 15 aprile 2017 alle14:41 ha scritto: rispondi »

Certo. È una delle controindicazioni del ribes

Ari, mercoledì 12 aprile 2017 alle9:50 ha scritto: rispondi »

Mio figlio di 8 anni si è svegliato con forte mal di gola e tosse secca. Da 5 anni in questo periodo ha probemi di allergia ma la pediatra non ha mai voluto fare test quindi solitamente prescrive tinset a quantità industriali cosi il bambino rimane intontito tutto il giorno x tutto il período della somministrazione. Cosa posso fare????? Confido in voi!!!# Vi ringrazio anticipatamente

Lascia un commento