L’intolleranza al lievito di birra è piuttosto diffusa e causa una serie di disturbi per lo più a carico dell’apparato gastrointestinale. Pizza, pane, grissini e birra sono solo alcuni degli alimenti che causano l’insorgenza o il peggioramento dei sintomi fra i pazienti.

Come per tutti i fastidi legati all’assunzione di alimenti scarsamente sopportati del nostro corpo, è necessario prima di tutto individuare i cibi responsabili, eliminarli dalla dieta e, in seguito, riabituare il paziente al consumo degli stessi. In genere questo percorso si fa con una dieta a eliminazione, seguita da una a rotazione.

Sintomi e diagnosi

Lievito

Organic Raw Yeast for baking bread against a background via Shutterstock

Questa intolleranza alimentare si manifesta con fastidiosi disturbi a stomaco e intestino, che si fanno più intensi quando si mangiano pane, focacce, pizza ma anche brioches e pasticcini. I segnali più comuni si presentano, almeno all’inizio, come comuni problemi di digestione:

  • pancia gonfia;
  • diarrea o, al contrario, stitichezza;
  • mal di pancia;
  • sintomi di indigestione;
  • bruciori di stomaco;
  • aria con associata flatulenza.

Chiaramente, quando il paziente afferma di aver “male alla pancia” o di aver “digerito male”, saranno presenti anche segnali più generali:

  • stanchezza e difficoltà a riposare bene;
  • mal di testa;
  • spossatezza fisica anche nel corso dell’attività sportiva;
  • nervosismo.

Ciò che emerge dalla descrizione dei sintomi è come il quadro di fastidi non sia specifico del lievito e, di conseguenza, della non tolleranza ai prodotti che lo contengono. Per questo motivo, soprattutto se i disturbi persistono per lungo tempo, è importante rivolgersi al medico per escludere alcune malattie intestinali, anche importanti. L’anamnesi e la corretta definizione della storia clinica condurrà l’esperto a supporre una intolleranza al lievito di birra e, di conseguenza, a prescrivere una dieta a esclusione della durata di almeno 15 giorni.

I sintomi infatti, in questa come in tutte le altre intolleranze, sono di natura transitoria e sono direttamente correlati all’assunzione di prodotti che contengono l’ingrediente non sopportato. È essenziale, perciò, che il paziente impari a verificare le etichette di quel che acquista. Molti prodotti oggi sono preparati con il lievito chimico, indicato anche come polvere lievitante nella lista degli ingredienti: si tratta di un vantaggio, poiché consente di continuare a consumare prodotti da forno che altrimenti andrebbero rifiutati.

Per la corretta verifica dell’etichetta è utile sapere che cosa sia il lievito di birra e perché si debbano evitare anche i prodotti che si preparano con il lievito naturale o madre. Il classico lievito di birra per i prodotti da forno e per la panificazione è costituito da colture di Saccharomyces cerevisiae, invece quello naturale, che si ottiene lasciando fermentare della pasta fresca a base di farina e acqua, contiene oltre al Saccharomyces anche anche altre specie di lieviti e vari batteri.

Rimedi naturali

Yogurt

Creamy natural yogurt background. Closeup view via Shutterstock

L’intolleranza al lievito di birra si risolve come tutte le altre con una dieta a esclusione, prima, e a rotazione, poi. Lo scopo è quello di “rieducare” all’assunzione di tutti gli alimenti. In un primo momento, per ridurre la sgradevole sensazione di gonfiore e irritazione intestinale, si può ricorrere all’assunzione di Lactobacillus acidophilus per depurare l’intestino, favorire la corretta proliferazione della flora batterica e la digestione.

5 settembre 2014
I vostri commenti
Davide, venerdì 21 ottobre 2016 alle17:59 ha scritto: rispondi »

Buonasera Era da un pò che non mangiavo la pizza, ieri sera l'ho mangiata, e oggi pomeriggio diarrea e nervosismo, come se non potessi stare fermo, come una tremarella, divento tutto teso, i muscoli s'intesiscono e quindi impossibilità nello stare tra la gente. Una volta andato in bagno, mi sento stanchissimo e ci metto un paio d'ore per riprendermi... Qualcuno potrebbe consigliarmi qualcosa, oltre a non mangiare la pizza? ;-) Grazie

Antonella , sabato 3 settembre 2016 alle6:50 ha scritto: rispondi »

Salve. Ogni volta che mangio pane pizza o pasta immediatamente mi viene la pancia gonfia e dolore fortissimo in conseguenza o vado in bagno con scariche liquide oppure peggio ancora non vado a mi viene un dolore fortissimo. Grazie

Gabriele, venerdì 15 luglio 2016 alle12:43 ha scritto: rispondi »

In particolare per sostituire la birra cosa si può usare? Grazie

Marianna, venerdì 6 maggio 2016 alle21:26 ha scritto: rispondi »

Ogni volta che mangio una pizza sto male, senso di gonfiore, sintomi simili a quelli dell'indigestione.Chiedo allora: Come si effettua il test per rilevare l'intolleranza al lievito di birra?

Andrea Cerretini , martedì 17 novembre 2015 alle23:24 ha scritto: rispondi »

Come si effettuabile test x rilevare l'intolleranza al lievito di birra?

Lascia un commento