I dolori articolari sono un disturbo non legato a una particolare stagione dell’anno. In grado di colpire indistintamente sia uomini che donne, questo fastidio comporta una generale riduzione della capacità motoria e una evidente sintomatologia dolorosa localizzata presso l’articolazione colpita.

Vittima dei dolori articolari possono essere tutte quelle parti come ginocchia, gomiti, spalle, come anche articolazioni quali le dita. Pur non avendo una stagionalità precisa, alcune delle possibili cause di questa patologia fanno riferimento al periodo invernale: tra queste l’influenza, il freddo e l’umidità.

A originare questo tipo di dolori anche altre patologie o disturbi come artrite, artrosi, borsiti, traumi alle articolazioni o tendiniti. La strategia migliore come al solito è individuare con esattezza l’origine del problema, come la comprensione del fatto che il dolore sia o meno causato da un’infiammazione ai tessuti molli, così da poter scegliere la soluzione più efficace. Si consiglia al riguardo di fare affidamento al proprio medico curante per una diagnosi definitiva.

Rimedi naturali per i dolori articoli

Uno dei rimedi naturali più consigliati quando si tratta di articolazioni è l’artiglio del diavolo. Le sue proprietà sono note per i benefici apportati anche in caso di mal di schiena, artrosi e le sciatalgie. Si trova facilmente in erboristeria sotto forma di olio essenziale o come pomate e tinture utilizzabili direttamente sulla parte dolorante. Vista la presenza di alcune importanti controindicazioni è bene assumere questa pianta con accortezza ed evitando un sovradosaggio.

L’arnica montana è un’altra soluzione dalla natura molto consigliata per chi soffre di dolori articolari. Efficace nel trattamento di distorsioni, traumi e dolori muscolari, questa pianta è utilizzabile tramite impacco da realizzare con tintura madre in soluzione al 10-20% aggiungendo acqua e glicerina oppure acquistando il prodotto già pronto in erboristeria.

Un altro tipo di impacco utile per trattare i dolori articolari è quello a base di oli essenziali di camomilla romana (4 gocce), rosmarino (5 gocce) e lavanda (5 gocce), il tutto diluito in circa un litro d’acqua calda. Basterà una volta mescolato il tutto prendere un panno e immergerlo nella soluzione, tenendola poggiata dove serve finché non si sarà freddata. Da utilizzare fredda in caso di infiammazione e lasciare agire per almeno 20 minuti.

Continuando a parlare di impacchi altre soluzioni possibili sono l’impiego dell’argilla verde ventilata, da realizzare unendo a della polvere di argilla un quantitativo d’acqua sufficiente a renderla fangosa, ma non eccessivamente liquida. Una volta pronta va applicata con un panno caldo sulla parte dolorante e lasciata agire per un paio d’ore. In caso di infiammazione evitare il ricorso al panno caldo, come nel caso dell’impacco di oli essenziali, poiché potrebbe risultare controproducente.

A questo proposito occorre specificare come in caso di infiammazione dell’articolazione sarà necessario trattare la parte con del ghiaccio, mentre ad esempio contro reumatismi e umidità molto utile risulterà la terapia del calore.

Se volete scegliere al posto dei rimedi esterni o comunque affiancare a questi alcuni infusi o decotti ecco alcuni suggerimenti. Molto importanti possono essere il sambuco e il salice bianco. Quest’ultimo in particolare rappresenta l’equivalente naturale dell’aspirina e come tale può risultare utile soprattutto contro le infiammazioni.

L’infuso di sambuco può essere preparato lasciando in infusione 4 cucchiai dei suoi fiori in un litro d’acqua bollente per circa 15 minuti. Filtrare e bere la tisana, meglio se mattina e sera. Maggiore attenzione dovrà invece essere prestata nell’assunzione di salice bianco, da assumere dopo i pasti e con moderazione, pena la diminuzione dei suoi benefici effetti.

Utile infine per il trattamento dei dolori articolari può rivelarsi anche la boswellia. Questa pianta contribuisce a rinforzare la cartilagine, parte integrante delle articolazioni.

Dolori articolari: consigli utili per combatterli

Assumere una corretta postura è uno dei primi consigli in caso di sofferenza alle articolazioni. Mantenere una posizione il più possibile naturale, ma senza che risulti troppo rilassata e scomposta. Qualora il disturbo non sia legato a un processo infiattivo è bene non immobilizzare la parte interessata, ma compiere leggeri movimenti per evitare un possibile irrigidimento articolare.

Un’attività regolare di stretching e yoga può inoltre aiutare a tenere le proprie articolazioni in allenamento riducendo il rischio che possano infiammarsi o cadere vittima di “colpi d’aria”. Evitare ambienti troppo umidi e coprirsi sempre il giusto: una folata d’aria fredda successivamente a un’eccessiva sudorazione può rappresentare un’ulteriore possibile fattore scatenante del dolore articolare.

13 marzo 2014
I vostri commenti
ermanno, martedì 9 maggio 2017 alle8:14 ha scritto: rispondi »

Ma come si fa a sapere se i dolori articolari sono dovuti a reumatismi o ad infiammazione ?

william, venerdì 12 febbraio 2016 alle1:35 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere, in natura dove possiamo trovare l'artiglio del diavolo? grazie

roberto, domenica 10 gennaio 2016 alle22:09 ha scritto: rispondi »

volevo ringraziare tutti per i consigli e le immagini fornite. Grazie davvero e spero che mi aiutino a migliorare i difetti posturali e a "mollare " un pò il fisico grazie

marcella, lunedì 16 novembre 2015 alle18:56 ha scritto: rispondi »

L'argilla non è il caso di riscaldarla ,io oltre all'acqua metto 1 cucchiaino di olio che evita l'essicamento dell'impasto

katia, mercoledì 7 ottobre 2015 alle17:27 ha scritto: rispondi »

buonasera, io faccio impacchi di argilla verde per i dolori muscolari e articolari!! volevo sapere se per un bendaggio di argilla posso aggiungere degli oli essenziali e quali ,,oppure come va riscaldata l argilla?..grazie

Lascia un commento