• GreenStyle
  • Salute
  • Ora legale: scienziati chiedono abolizione al Parlamento europeo

Ora legale: scienziati chiedono abolizione al Parlamento europeo

Ora legale: scienziati chiedono abolizione al Parlamento europeo

Gli esperti dell'European Society for Biological Rithms hanno chiesto al Parlamento europeo l'abolizione dell'ora legale a causa degli effetti collaterali.

L’ora legale mette a rischio i nostri ritmi biologici, aggravando stress e problemi simili. A dirlo è un gruppo di cronobiologi, che ha scritto al Parlamento europeo chiedendone l’abolizione.

La richiesta si basa sullo studio dell’European Society for Biological Rithms “Evidence-based approach to evaluating Daylight Saving Time (DST): The relevance to our Biological Clock”, in cui si mostrano i disturbi legati al cambio di orario che, secondo gli esperti, potrebbero protrarsi fino a 7 mesi dopo il passaggio all’ora legale.

I dati dello studio erano già noti, da anni l’Esbr spiega che il passaggio dall’ora solare all’ora legale ha degli effetti sui ritmi biologici dell’uomo. Secondo i ricercatori, i nostri ritmi dipendono dai geni: ognuno di noi ha le sue abitudini in merito al sonno.

Ci sono persone che amano andare a letto presto e svegliarsi con le prime luci del mattino, altre che fanno il contrario. Ciò che ci impone un’omogeneità sono i ritmi sociali, gli orari di lavoro e di vita insieme agli altri. Secondo i ricercatori l’ora legale forzerebbe i ritmi naturali dell’uomo, imponendo ritmi sociali decisamente non adeguati.

Il jet lag sociale, secondo gli esperti dell’Esbr, è associato al consumo di nicotica alcol, caffeina, al sovrappeso e la sindrome metabolica, perché alla lunga diventa una sorta di stato cronico.

Inoltre gli effetti si trascinano per un bel po’: da quelli più immediati, nel week end successivo al cambio, a quelli più prolungati e meno evidenti, che possono arrivare a durare ben 7 mesi.

Alle opinioni degli esperti dell’Esbr fanno eco diverse associazioni in vari Paesi: da noi è il Codancons a supportare la tesi degli effetti collaterali, chiedendone da anni l’abolizione:

Circa l’80% dei cittadini italiani accoglierebbe con favore una eventuale abolizione del passaggio da ora solare a ora legale, e preferirebbe mantenere tutto l’anno l’ora legale. Questo perché il passaggio da un orario all’altro comporta conseguenze per l’uomo e non è immune da svantaggi.

Sono numerosi, secondo il Codacons, gli effetti immediati: alterazione dei ritmi cardiaci, stress, stanchezza, spossatezza, inappetenza, problemi d’umore e difficoltà di concentrazione.

Inoltre lo spostamento delle lancette comporta un impatto economico non indifferente, sia dal punto di vista dell’adeguamento dell’elettronica ai nuovi orari, ma anche per il costo sanitario che comporta. Secondo gli esperti europei dell’Esbr, l’esborso conseguente al cambio di orario corrisponde all’1% del Pil dei Paesi del continente, pari a 131 miliardi di euro.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata