Viaggio in Nuova Zelanda: consigli utili

  • GreenStyle
  • Viaggio in Nuova Zelanda: consigli utili

Viaggio in Nuova Zelanda: consigli utili

Un viaggio in Nuova Zelanda è un'occasione unica per scoprire paesaggi selvaggi e incontaminati; ecco qualche consiglio.

Un viaggio in Nuova Zelanda è sicuramente il sogno di molti, perché è un luogo che riesce a coniugare natura e tecnologia, tradizione e modernità, in un mix affascinante e coinvolgente davvero difficile da trovare altrove. Terra lontana e semisconosciuta, è un luogo che lascia molto spazio alla fantasia, grazie ai suoi paesaggi incontaminati e protetti, tanto da essere il set preferito di moltissimi registi di fama internazionale, che hanno scelto queste terre per il loro aspetto primitivo e meraviglioso. Non a caso, sono state girate proprio qui le scene del film “Lo Hobbit”, perché questi luoghi riescono a trasmettere immagini e sensazioni uniche.

La Nuova Zelanda è uno stato insulare appartenente all’Oceania ed è situato nell’Oceano Pacifico meridionale. La superficie di questa nazione-isola, che ha come capitale la città di Wellington, ha una superficie di 270.534 km quadrati ed è popolata da circa quattro milioni di abitanti. Questa terra lontana è una meta turistica per viaggiatori, avventurosi e curiosi desiderosi di esplorare nuovi e originali scorci, paesaggi selvaggi, cime innevate, ma anche spiagge dorate, laghi dalle acque azzurre e cristalline, foreste pluviali avvolgenti e scorci dai tratti inediti. La Nuova Zelanda è sicuramente una terra ricca di sorprese e paesaggi da scoprire; proprio per questo è una destinazione privilegiata da parte di chi ama l’avventura, l’esplorazione, il contatto con la natura e con gli animali. Non a caso una delle attività e delle sistemazioni preferite dai turisti che giungono in Nuova Zelanda è il campeggio, in tenda o in semplici capanne nei boschi, nei pressi di una spiaggia o vicino a un fiume, dove si ha il contatto vivido e diretto con il contesto circostante. Ma le attrattive di un viaggio in Nuova Zelanda non finiscono qui, perché tra i motivi di interesse per questa zona del mondo troviamo anche la cultura Maori, sia tradizionale che moderna, che ogni anno attira milioni di visitatori desiderosi di conoscerla da vicino.

Un viaggio in Nuova Zelanda: l’isola del nord e l’isola del sud

Tra le più grandi attrattive di questa nazione troviamo l’Isola del Nord, dove la natura si manifesta con tutta la sua forza, il suo fascino incontaminato e intatto rispetto alle attività dell’uomo. Il centro più importante dell’isola è Auckland, la rinomata City of Sails, caratterizzata soprattutto da grattacieli, palazzi e strutture super tecnologiche realizzate con materiali di ultima generazione e tipica per le sue barche (il nome riferito ai navigatori non è un caso) anche queste realizzate con materiali super tecnologici e avanzati. Tra le curiosità di Auckland ricordiamo la Sky Tower, la torre più alta dell’emisfero australe, caratterizzata da un grande pavimento costruito interamente in vetro, che permette di ammirare la città dall’alto. Un’esperienza davvero unica per tutti i visitatori che avranno il coraggio di superare la naturale paura e godersi lo spettacolo dall’alto. Da non perdere poi la località di Rotorua, tipica per i suoi spettacolari e affascinanti geyser, le bolle di fango, le sorgenti di acqua calda e il vapore che caratterizza l’intera area.

L’Isola del sud invece è l’altra grande isola della Nuova Zelanda, dove – secondo un’antica leggenda Maori – il Dio creatore decise di spargere gli ultimi preziosi resti di mondo. Da questa antica storia – tramandata di generazione in generazione – nacque il mito di questa isola che ancora oggi conosciamo: è un’isola selvaggia, ideale per chi ama le avventure spericolate. In particolare segnaliamo la località di Queenstown, meta preferita per gli amanti del rafting, bungee jumping e parasailing. Tra le città da visitare ricordiamo Christchurch, dove le case, le chiese, le costruzioni e gli arredi urbani fanno pensare all’Inghilterra, in cui si incontrano abitanti maori, asiatici, irlandesi e mediterranei.

Seguici anche sui canali social