• GreenStyle
  • Salute
  • Zuppa di zucca, se amara può causare alopecia: ecco perché

Zuppa di zucca, se amara può causare alopecia: ecco perché

Zuppa di zucca, se amara può causare alopecia: ecco perché

Fonte immagine: Pixabay

Non era mai accaduto prima: due donne colpite da caduta di capelli a chiazze (alopecia) dopo aver mangiato zuppa di zucca amara: ecco cos'è successo.

In quello che i ricercatori dicono che sia il primo caso al mondo, due donne hanno sofferto di caduta dei capelli a chiazze (alopecia) causata dal consumo di zuppa di zucca dal gusto amaro. Avvelenamento da cibo con un sintomo inaspettato, in pratica.

Ecco cos’è successo. Dopo aver mangiato da sola un piatto a base di zucca dal sapore amaro, rifiutato dai commensali proprio per lo strano sapore, la donna ha iniziato a vomitare per poi riscontrare tre settimane dopo che dalla testa, dalle ascelle e dalla regione pubica le cadevano ciuffi di capelli.

Situazione simile per la seconda donna, colpita da vomito e diarrea dopo aver mangiato una zuppa di zucca amara, la quale ha sperimentato una “consistente perdita di capelli” dopo circa una settimana. In entrambe i casi gli scienziati dicono che i capelli hanno ricominciato a crescere alcuni mesi dopo.

Si ritiene che una sostanza chimica nota come cucurbitacina, che ha dato alle zucche il ​​loro sapore amaro, abbia innescato un’avvelenamento da cucurbita tossica, responsabile della caduta dei loro capelli. In Europa c’erano già stati alcuni casi di avvelenamento da cucurbitacee, ma finora non aveva mai causato alopecia. “Sembra importante e utile essere consapevoli di questa associazione tossica tra alopecia e una pianta comune”, hanno scritto gli autori.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

SANA 2017: intervista a Giacomo Sebastiani – Winni’s