ZTL a Roma: Anello Ferroviario a pagamento dal 2017

ZTL a Roma: Anello Ferroviario a pagamento dal 2017

Anello Ferroviario di Roma a pagamento dal 2017. Il Campidoglio presenta il nuovo piano per ridurre il traffico privato di Roma Capitale.

A Roma l’ingresso nell’area dell’Anello Ferroviario sarà a pagamento dal 2017. Respinto il tentativo di imposizione di un pedaggio per la percorrenza del GRA (Grande Raccordo Anulare) e la presentazione a gennaio del progetto di ecopass a punti voluto dal sindaco Marino, gli automobilisti romani potrebbero presto trovarsi alle prese con un’iniziativa che per molti versi ricorda l’Area C di Milano.

Fascia Verde, Roma
Fascia Verde e Anello Ferroviario a Roma

La misura prenderà il via il 1 gennaio 2017 e prevederà l’impiego di varchi elettronici che regoleranno, nei giorni feriali, l’accesso all’interno dell’Anello Ferroviario. Saranno garantiti ai romani un certo numero di accessi, maggiore in caso di residenza entro l’area sottoposta a “congestion charge” o per necessità di lavoro, terminati i quali scatterà una tariffa di ingresso legata alle caratteristiche ecologiche delle vetture: più recente sarà il veicolo, minore sarà il ticket d’accesso.

Un provvedimento deciso non per fare cassa, dichiara la giunta capitolina, ma per esigenze di mobilità sostenibile. A tal proposito, prosegue il Campidoglio, circa l’80% di quanto ricavato dalla ZTL verrà reinvestito per il “finanziamento di servizi e opere per il potenziamento del trasporto pubblico e per i sistemi di mobilità alternativa”. Secondo quanto ha affermato l’assessore alla Mobilità Guido Improta:

Una volta entrato a regime questo piano, potremo ridurre le tariffe di Ztl e strisce blu, a conferma del fatto che queste ultime per noi sono misure per limitare il traffico privato, non per fare cassa.

Anello Ferroviario: la nuova mobilità a Roma

Con l’introduzione della ZTL dell’Anello Ferroviario la mobilità a Roma verrà modificata in profondità. Ai romani non residenti all’interno dell’Anello Ferroviario saranno garantiti 120 ingressi, più eventuali 60 accessi extra in caso di appartenenza a specifiche categorie di lavoratori. Un numero maggiore di accessi verrà invece assicurato a coloro che risiedono entro i confini della ZTL.

Per i romani che avranno terminato gli ingressi gratuiti, o per coloro che risiedono fuori dal territorio di Roma Capitale, le tariffe di accesso varieranno in funzione della categoria del veicolo: se Euro 4 si pagherà ciascun passaggio 3 euro, importo che scenderà a 2 € per gli Euro 5 e a 1 per gli Euro 6.

Veicoli liberi di circolare senza pagamento degli ingressi

Saranno previste dalle future delibere anche delle eccezioni relative ad alcune tipologie di veicoli, che non saranno chiamate a corrispondere alcun importo per il transito nei varchi elettronici ZTL. I veicoli elettrici e ibridi non verranno inclusi nel provvedimento, mentre sono allo studio deroghe per i mezzi di trasporto destinati a persone invalide muniti di contrassegno e per le vetture alimentate a GPL o metano.

Seguici anche sui canali social