Yerba mate: proprietà e controindicazioni

Yerba mate: proprietà e controindicazioni

Fonte immagine: Tea via pixabay

Lo yerba mate è un arbusto le cui foglie e piccioli sono ricchi di caffeina e altre sostanze di natura stimolante: le proprietà e le controindicazioni.

Yerba mate è il nome spagnolo dell’erba mate: una pianta originaria del Sudamerica, dove è molto diffusa e cresce spontanea in Argentina, Brasile e Paraguay. Si tratta di un piccolo arbusto sempreverde con foglie piuttosto coriacee, della famiglia delle Aquifoliaceae. Da tempo è conosciuto per le sue caratteristiche come fitoterapico. Nella tradizione popolare è indicata con diversi nomi, tra questi i più famosi sono: tè dei gesuiti, tè paraguaiano, tè brasiliano o anche semplicemente mate.

Le parti della pianta che sono utili in fitoterapia sono le foglie e i piccioli che si utilizzano per preparare un infuso dal sapore amaro.

Il tè di yerba mate è ricco di principi attivi biologicamente attivi: caffeina, teobromina, teofillina, tannini, sali minerali, colina e vitamine, soprattutto C, B1, B2. Prima di tutto il mate è sempre stato noto perché è una fonte di caffeina.
Tra i sali minerali i più concentrati nell’infuso sono il calcio, il ferro ed il fosforo. Il mate si distingue anche per il buon contenuto di polifenoli antiossidanti.

Vediamo quali sono le proprietà benefiche della tisana di yerba mate e le sue controindicazioni o interazioni con alcune terapie farmacologiche.

Infuso di yerba mate: proprietà e utilizzo

Fitness
– Fonte Fitness via pixabay – Fonte South American yerba mate (mate tea) dried leaves in wooden bowl with tea in mate cup with bombilla (straw) next to it photographed with natural light (Selective Focus, Focus on the dried tea leaves) via Shutterstock

Il tè di yerba mate è tradizionalmente indicato per gli sportivi, che prima e dopo l’attività necessitano di una fonte di pronta energia. Il mix di caffeina, sali minerali e vitamine rende il mate un buon “integratore” anche per che vive un periodo di particolare stress psicofisico.

La buona concentrazione di caffeina ne ha fatto di recente uno degli infusi più consigliati a chi sta seguendo un programma dimagrante. Il mate ha dimostrato di essere in grado di stimolare il metabolismo.

Le proprietà energizzanti del mate, dovute perlopiù all’elevata concentrazione di caffeina, sono piuttosto diverse da quelle offerte dal caffè. La caffeina del mate è a lento rilascio: questa caratteristica si traduce in un effetto stimolante anche a medio-lungo termine e in una maggiore tollerabilità della bevanda. La tisana di mate, in genere, potrebbe essere consumata senza fastidi anche da chi soffre di bruciori di stomaco.

Controindicazioni ed effetti avversi

Mate
– Fonte Fitness via pixabay – Fonte South American yerba mate (mate tea) dried leaves in wooden bowl with tea in mate cup with bombilla (straw) next to it photographed with natural light (Selective Focus, Focus on the dried tea leaves) via Shutterstock

L’infuso di mate, viste le caratteristiche stimolanti potrebbe causare, nei soggetti particolarmente sensibili, senso di agitazione e tachicardia. Un consumo eccessivo di mate si traduce spesso in episodi di insonnia, difficoltà respiratorie e confusione emotiva.

Nonostante si tratti di un rimedio ben tollerato, il mate è controindicato in chi soffre di aritmia cardiaca e pressione alta. Inoltre, l’uso in gravidanza ed allattamento è senz’altro poco indicato.

Vista l’elevata concentrazione di caffeina, il mate è controindicato per chi sta seguendo alcune terapie farmacologiche. Questo alcaloide naturale, ad esempio, inibisce il metabolismo della clozapina, un noto antipsicotico.

Alcuni antibiotici della classe dei chinoloni, come ciprofloxacina, grepafloxacina, levofloxacina e norfloxacina, rallentano l’eliminazione della caffeina e dunque favoriscono l’insorgenza di disturbi come nausea, vomito, agitazione e tachicardia. Anche i pazienti in che assumono farmaci a base di benzodiazepine per il trattamento dell’insonnia dovrebbero evitare il mate e gli integratori che lo contengono.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social