WWF: una petizione per la pesca sostenibile in Europa

WWF: una petizione per la pesca sostenibile in Europa

Il WWF lancia una petizione perché l'Europa adotti una politica delle gestioni ittiche rispettosa dell'ambiente e degli habitat marini

Per secoli l’uomo ha immaginato il mare come una riserva inesauribile di risorse. Così era, infatti, dato le capacità dell’ecosistema di rimediare ai danni effettuati dalla pesca tradizionale. La nascita di quella che potremo però definire “pesca industriale” ha, però, rivoluzionato i fattori in gioco e oggi come oggi, come spiegano quelli del WWF, ben il 70% degli stock ittici europei sono sovrasfruttati:

Si pescano più pesci di quanti ne nascono. Specie simbolo come il tonno rosso del Mediterraneo o il baccalà dell’Atlantico sono stati enormemente sfruttati per decenni. È tempo di cambiare e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti voi.

Spiega così il proprio grido d’allarme la nuova campagna WWF, strutturata attorno a una petizione per il parlamento europeo. Ciò che viene richiesto è una seria e lungimirante politica per la gestione delle risorse ittiche. Qualcosa che l’Europa non ha mai avuto:

L’Europa ha purtroppo sempre mal gestito la pesca. La sua politica comune della pesca (PCP) è attualmente in fase di revisione. Abbiamo, quindi, un’opportunità unica per assicurare un futuro per i pesci e per vedere i nostri mari prosperare di nuovo. Abbiamo bisogno di una vera e propria riforma radicale della politica della pesca europea.

I punti della petizione sono i seguenti:

  • che la pesca venga gestita in maniera coerente, costante e con prospettive di lungo termine, a livello di bacino, per consentire agli stock di ricostituirsi;
  • che un insieme di regole condivise consentano ai pescatori di prendere ciò che è ragionevole, scientificamente deciso, e soprattutto quando è necessario;
  • di applicare questi stessi principi a tutti i pescherecci europei ovunque essi operino nel mondo.

Per maggiore informazioni e per firmare online vi rimandiamo alla pagina dell’associazione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella