Volkswagen annuncia Golf 8: ibrida e connessa

Volkswagen annuncia Golf 8: ibrida e connessa

Fonte immagine: volkswagen

Volkswagen porta al debutto la Golf di ottava generazione, molto orientata alle versioni ibride: punta di diamante la GTE plug-in.

Volkswagen ha presentato la Golf di ottava generazione. L’annuncio della nuova gamma della media tedesca ha confermato che il costruttore punta ancora di più sull’elettrico sebbene sia chiaro che la sola motorizzazione elettrica sarà ad appannaggio del nuovo brand ID. La nuova Golf punta tutto sulle versioni ibride la cui punta di diamante sarà una plug-in dotata di una batteria generosa vista la categoria.

Complessivamente saranno ben 5 le motorizzazioni ibride a rimarcare il fatto che Volkswagen abbia voluto offrire una svolta sul fronte dei motori all’interno dell’ottava generazione della sua Golf. L’autovettura disporrà, nei dettagli, di tre motori mild hybrid a 48 V con potenze di 110 cavalli (1.0 TSI), 130 cavalli (1.5 TSI) e 150 cavalli (1.5 TSI). Tale architettura dovrebbe ridurre i consumi del 10% e migliorare il comfort di guida soprattutto nelle ripartenze. Il costruttore tedesco ha poi deciso di offrire due versioni plug-in spinte dal 1.4 TSI che saranno offerte con due livelli di potenza: 204 e 245 cavalli. La più performante sarà riconoscibile dalla sigla GTE.

Proprio questi modelli sono i più interessanti sul fronte tecnico. Il powertrain è stato chiamato da Volkswagen “eHybrid“. Elemento di spicco la batteria agli ioni di litio che in entrambi i modelli dispone di una capacità di 13 kWh. Batteria che dovrebbe consentire un’autonomia di circa 60 Km in modalità solo elettrico. Buona autonomia per una plug-in ma anche riduzioni di consumi e viste le potenze in gioco è lecito attendersi pure prestazioni decisamente molto frizzanti.

Sul fronte del design la nuova Golf 8 non stravolge il look del precedente modello. Volkswagen, del resto, è solita muoversi nel segno della continuità senza mai stravolgere nulla. In ogni caso, il nuovo modello appare molto più fresco e moderno. Dimensioni complessivamente invariate.

Tanta tecnologia a bordo grazie ad un abitacolo rivisto dove colpisce subito la strumentazione digitale caratterizzata da un maxi display da ben 10,25 pollici. Sistema infotelematico ovviamente connesso e dotato pure lui di un generoso display da cui gestire molte funzionalità dell’auto.

Tecnologia che si rispecchia pure sui sistemi di ausilio alla guida. Per esempio, attraverso Travel Assist sarà possibile procedere in autostrada sino ad una velocità di 210 Km/h senza dover intervenire direttamente per sterzare, accelerare o frenare. Trattandosi di un sistema connesso, le persone potranno gestire l’auto da remoto attraverso un’app per smartphone.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Partenza lanciata per la sportiva ibrida BMW i8