• GreenStyle
  • Salute
  • Vita sedentaria non è dannosa come fumare: studio spiega perché

Vita sedentaria non è dannosa come fumare: studio spiega perché

Vita sedentaria non è dannosa come fumare: studio spiega perché

Vita sedentaria e vizio del fumo sono nocivi per la salute, ma non allo stesso modo secondo un nuovo studio: ecco perché.

Trascorrere troppo tempo seduti non aumenta il rischio di morte prematura quanto fumare. A sostenerlo uno studio epidemiologico condotto dal dott. Terry Boyle dell’University of South Australia, insieme ad alcuni colleghi provenienti da atenei statunitensi, australiani e canadesi, il quale si augura che i risultati di questo studio possano contribuire a smontare un fuorviante “falso mito” relativo al rapporto tra vizio del fumo e vita sedentaria.

Secondo i ricercatori la vita sedentaria aumenterebbe il rischio di morte prematura del 20%, mentre fumare di ben il 180%. Molto distanti sarebbero anche le cifre relative all’impatto delle due pratiche sulla percentuale di decessi correlati: il 3,8% (studio brasiliano del 2016, condotto su un milione di cittadini residenti in 54 diversi Paesi) di questi ultimi era connesso al trascorrere troppo tempo seduti (oltre 8 ore al giorno), mentre avrebbe sfiorato il 21% (studio University of Pennsylvania, 2004) la quota relativa alla mortalità da fumo.

In termini di spesa sanitaria parlando la vita sedentaria avrebbe inciso, nel 2012, per circa 41,4 miliardi di sterline sui sistemi internazionali; maggiore i costi legati alle patologie causate dal fumo, circa 357 miliardi di sterline. Persino una sola sigaretta al giorno sarebbe più dannosa, spiegano i ricercatori, del trascorrere troppo tempo seduti. Inoltre, come spiegato dal dott. Boyle:

Fumare si stima causerà almeno un miliardo di morti nel ventunesimo secolo. A differenza del fumo lo stare seduti troppo al lungo non genera dipendenza e non danneggia gli altri.

I ricercatori hanno sottolineato però come, per quanto il vizio del fumo sia più dannoso, l’abitudine a una vita sedentaria resti una pratica sconsigliata e legata a diversi effetti negativi per la salute.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera