Posada, in Sardegna la spiaggia più bella del 2013

  • GreenStyle
  • Posada, in Sardegna la spiaggia più bella del 2013

Posada, in Sardegna la spiaggia più bella del 2013

La spiaggia di Posada - con la sua sabbia bianchissima e le acque cristalline - è stata classificata come la baia più bella d'Italia da Legambiente.

Posada, area costiera situata a nord-est della Sardegna, è stata eletta al primo posto tra le spiagge più belle d’Italia dalla Guida Blu di Legambiente 2013. Le dieci città balneari sono state scelte in base ad alcuni criteri ben definiti, come il rispetto per il patrimonio naturale, la sostenibilità delle offerte turistiche, anche in termini agroalimentari, e naturalmente l’attenzione verso l’ambiente, soprattutto per quanto riguarda l’impatto delle strutture e dei servizi turistici sul paesaggio dell’area. Gioiello naturalistico della provincia di Nuoro, Posada è stata premiata anche dal Touring Club Italiano ed è oggi una delle località più apprezzate e ammirate d’Europa. Senza dimenticare che la zona ospita aree attrezzate per cani e gatti.

Caratterizzata da spiagge bianchissime e acque turchesi e cristalline, la spiaggia di Posada è uno dei luoghi più belli e attraenti della Sardegna, perché – nonostante la presenza di turisti – conserva ancora oggi i suoi tratti selvaggi, tipici di un luogo ancora incontaminato. Tra le località di maggior attrattiva turistica ricordiamo la spiaggia di Su Tiriarzu, considerata una delle aree più belle e incontaminate di questo tratto costiero. Questa singolare spiaggia, che ricorda i paesaggi delle Maldive, è situata vicino gli stagni Tondu e Longo (non a caso la zona è stata soprannominata Piana degli Stagni), ha un fondale di sabbia chiara finissima ed è avvolta da una vasta macchia mediterranea dai colori vividi, sgargianti e dai profumi inebrianti. La spiaggia si può raggiungere a piedi dalla località di Orvile (frazione del comune di Posada) e raramente è affollata di turisti.

La baia di Posada è aperta, ampia e caratterizzata da un fondale piuttosto basso e pulito (ideale anche per i bambini piccoli) e dai colori particolarmente affascinanti, che vanno dal turchese chiaro e cristallino al blu oltremare, passando per il verde smeraldo intenso. Il luogo è particolarmente adatto per chi apprezza la semplicità dei paesaggi, chi ama passeggiare sulla spiaggia o muoversi in acqua; perfetto quindi anche per chi fugge dai villaggi all-inclusive e super accessoriati, pieni di gente e animati esclusivamente dal caos umano. Le spiagge di Posada sono invece abitate unicamente da sporadici gruppi di turisti e dalle alghe portate a riva dalle onde.

Allontanandosi un po’ dalla spiaggia e dalla natura solitaria e selvaggia, è possibile trovare anche chioschi, bar, hotel, b&b, negozi, botteghe e servizi di ogni tipo per grandi, piccini e amici a quattro zampe; e – pur offrendo risposte ad ogni tipo di esigenza – non stonano, né disturbano l’ambiente naturalistico.

Ma oltre alla cornice naturalistica di grande effetto e di rara bellezza, la zona merita una visita anche per le sue caratteristiche storiche, i caseggiati perfettamente integrati nel paesaggio e i suoi reperti interessanti. La cittadina di Posada è arroccata su una rupe calcarea avvolta da splendidi cespugli di lentisco e euforbie e da qui domina la spiaggia e l’intera macchia mediterranea che la protegge. Tra i principali punti di interesse della zona ricordiamo la Torre del Castello della Fava, una costruzione imponente e scenografica, molto ben conservata e di grande impatto visivo. Una vera e propria attrattiva per tutti coloro che amano la natura e i paesaggi incontaminati. La fortezza fu realizzata  nel corso del XII secondo dai giudici di Gallura; passò successivamente sotto i giudici di Arborea per poi finire agli Aragonesi. Importante fulcro militare e politico all’epoca dei Giudicati, il palazzo decadde a causa delle frequenti incursioni saracene. Il borgo – come molti altri caseggiati della zona – conserva ancora oggi la struttura medievale, caratterizzata da suggestivi vicoli collegati tra loro da viuzze e scalinate, piazzette e archi.

Tra le spiagge più belle che caratterizzano la baia di Posada, oltre a quella di Su Tiriarzu, ricordiamo Orvile, San Giovanni, La Caletta e Santa Lucia, che offrono anch’essi paesaggi mozzafiato, caratterizzati da spiagge bianchissime, dune sinuose e acque cristalline, che vanno dall’azzurro al verde smeraldo. Da queste località è possibile organizzare anche escursioni di trekking o in bicicletta, per scoprire da vicino le altre bellezze naturalistiche presenti in questo tratto del nuorese. Tra i punti di interesse per chi ama la natura e gli itinerari alternativi, all’insegna dell’eco-sostenibilità ed estranei al turismo di massa, suggeriamo alcune mete naturalistiche nel territorio di Posada, come l’area della piana alluvionale costiera situata alle foci del Posada, le zone umide costiere di S’Arenargiu-Petra Ruja, Salina Manna e Salinedda; le dune di Capo Comino, l’isola Ruja; la valle del Posada, il suo lago artificiale e infine il Monte Albo.

Seguici anche sui canali social