Vestirsi da strega per Halloween: idee di riciclo

Vestirsi da strega per Halloween: idee di riciclo

Fonte immagine: Unsplash

Il vestito da strega è uno dei più ricercati per la festa di Halloween: ecco come realizzarlo con idee di riciclo, compreso il cappello e gli accessori.

Le festa di Halloween è sempre più vicina: il 31 ottobre, infatti, si celebrerà la notte delle streghe e dei fantasmi, un modo per esorcizzare la paura e divertirsi in compagnia delle persone più care. Una celebrazione di origine anglosassone, tuttavia negli ultimi anni divenuta sempre più popolare anche sullo Stivale: i bambini sono stati conquistati dal classico “dolcetto o scherzetto”, mentre gli adulti non disdegnano la possibilità di mostrarsi in maschera. Ma come è possibile realizzare un vestito da strega, tramite delle idee di riciclo che siano amiche dell’ambiente?

Sono moltissime le possibilità per chi vuole festeggiare un Halloween a impatto zero, riciclando tanti dei materiali presenti nella casa. Basta lanciarsi in un po’ di fai da te e, soprattutto, lasciare correre la fantasia. Di seguito, qualche consiglio.

Abito da strega

Macchina da cucire

Per realizzare un bellissimo abito da strega in occasione delle celebrazioni di Halloween, non vi è niente di più facile che recuperare quegli indumenti rimasti ormai da anni nell’armadio, magari dimenticati e mai riutilizzati. L’imperativo è quello di scegliere colori scuri – come il grigio e il nero – sia su tessuti opachi che più brillanti.

Per la parte inferiore dell’abito è sufficiente scegliere una gonna lunga, possibilmente nera, liscia e senza troppe decorazioni. Per chi fosse pratico con il taglio e il cucito, il tessuto potrà essere abbellito con della passamaneria argentata, così da conferire un effetto più spettrale. Ancora, si possono ricavare dal pizzo delle ragnatele o, operazione ancora più semplice, ritagliare delle forme paurose – gatti neri, ragni o fantasmi – da scampoli di stoffa o dal feltro e applicarle direttamente all’abito con due punti di cucito o della colla a caldo.

Facile anche la parte superiore dell’abito, ad esempio recuperando un vecchio maglione nero o grigio – da considerare soprattutto se si festeggerà Halloween all’aperto, date le temperature – oppure una camicia sempre nera, sempre da decorare come la gonna. Per chi fosse alla ricerca di un look che non sia troppo privativo sulle forme, si può anche optare per un corsetto, da indossare sopra la camicia, oppure per una blusa di pizzo.

Per chi fosse alla ricerca di un vestito realizzato da zero, recuperando vecchia stoffa e dedicandosi alla macchina da cucire, essenzialmente si dovrà realizzare una tunica, meglio se con una gonna molto lunga e dal taglio asimmetrico, così con braccia larghe a ridosso dei polsi e maniche appuntite.

Cappello e capelli

Cappello da strega

Il cappello è certamente l’elemento distintivo per la tipica strega di Halloween e, anche in questo caso, realizzarlo in casa è abbastanza semplice. Si può prendere un vecchio cappello come base, su cui costruire poi un’intera impalcatura per il tipico copricapo appuntito di questo personaggio. Questo permetterà di mantenere l’indumento ben saldo sulla testa, senza problemi durante le celebrazioni.

La struttura conica di sostegno può essere realizzata con del cartoncino o, per chi ha molto tempo da dedicarvi, con della cartapesta. Il cono, piegato alle estremità, potrà essere collegato alla visiera circolare tipica della strega, sempre realizzata con del cartoncino. La struttura ottenuta viene quindi adagiata sul cappello già esistente e fissata con dei punti di pinzatrice o della colla a caldo. Quando il tutto risulta asciutto e stabile, si può ricoprire con della stoffa nera – meglio se traslucida, come ad esempio del nylon oppure una vecchia tenda opportunamente riciclata – e si decora sempre con passamaneria argentata, stoffa e feltro.

Per i tipici capelli da strega, lunghi e grigi, si può ricorrere semplicemente a uno spray colorante – che verrà rimosso al primo shampoo – oppure a una parrucca. Ancora, si possono realizzare delle trecce o dei ciuffi in lana da maglia bianca o grigia, da applicare direttamente al cappello: basterà fare un chignon per nascondere la capigliatura reale.

Scopa, accessori e trucco

Scope di saggina

Naturalmente, una strega che si rispetti non può non avere a disposizione la classica scopa: basterà riutilizzare una vecchia scopa di saggina. Se lo si desidera, l’attrezzo potrà essere dipinto di nero – con spruzzi d’argento – con vernice spray atossica. Sulla scopa stessa si possono quindi aggiungere delle figure ricavate dal cartoncino – come l’immancabile gatto nero – e dei filamenti da imballaggio per rimandare l’idea di una ragnatela. Si possono poi aggiungere degli accessori, come una sacca ricavata dalla stoffa nera da usare come borsa per conservare smartphone, portafogli e simili.

Il trucco, infine, dovrà essere spettrale, con tinte il più possibile pallide, giocando con il contouring nella zona del naso per farlo apparire più grosso e aquilino. Si possono quindi disegnare dei grossi nei con la matita per gli occhi nera, mentre il marrone è ideale per ricreare rughe e solchi sul volto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Riciclo creativo per realizzare bomboniere