Unesco: 18 nuove “riserve della biosfera”

Unesco: 18 nuove “riserve della biosfera”

L'Unesco apre altre 18 riserve della biosfera. All'interno del progetto MAB che conta 580 riserve in 144 nazioni, anche 10 parchi italiani.

Di paradisi naturali, nonostante l’azione perturbatrice dell’uomo, è piena la Terra. L’Unesco ne ha appena riconosciuti altri 18, all’interno del progetto: Man and the Biosphere. a oggi, le riserve di questo tipo sono diventate in tutto 580, situate in ben 144 Paesi diversi.

Le new entry sono nell’ordine: Bras d’Or Lake (Canada), Mao’er Mountain (Cina),Corredor Biológico Nevados de Chillán-Laguna del Laja (Cile), Songor (Ghana), Mujib (Giordania), Zuvintas (Lituania), Baa Atoll (Maldive), Berlengas archipelago (Portogallo)l, Volga-Akhtuba Floodplain (Federazione Russia), St. Mary’s, Saint Kitts and Nevis (Isole caraibiche), Blekinge Archipelago (Svezia), Nedre Dalälven River Landscape (Svezia), Oti-Keran/Oti-Mandouri (Togo), Roztochya (Ucraina), Bura’a (Yemen), Santana Madeira (Portogallo), Ramot Menashe (Israele), Trifinio Fraternidad Biosphere Reserve, (El Salvador, Guatemala, Honduras).

Una caratteristica che accomuna le Riserve della Biosfera è il rapporto particolare fra popolazione e amministrazione, dove quest’ultima è infatti condivisa e partecipata attivamente dalla prima. Anche in Italia si contano ben 10 centri (a volte accorpati fra loro):

  • Collemeluccio-Montedimezzo;
  • Circeo, ;
  • Miramare, ;
  • Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, ;
  • Somma-Vesuvio e Miglio d’Oro, ;
  • Valle del Ticino, ;
  • Parco nazionale Arcipelago Toscano, ;
  • Selva Pisana.

Non pochi, ma di certo non tali da permetterci di competere con altri Paesi. È dato che le potenzialità non ci mancano, l’auspicio è che ci sia da fare. e un buon modo per iniziare potrebbe essere salvare le Tremiti.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata