In ufficio con il cane: l’iniziativa Unicredit

In ufficio con il cane: l’iniziativa Unicredit

Fonte immagine: eclipse_images via iStock

Unicredit permette ai dipendenti, presso la sede di Gae Aulenti a Milano, di portare i loro cani al lavoro: ecco tutti i dettagli dell'iniziativa.

Portare in ufficio il proprio cane, per evitare rimanga tutto il giorno da solo in casa, è il sogno di molti lavoratori. E ora diventa realtà per i dipendenti della sede centrale di Unicredit di Milano, presso l’iconico grattacielo di Gae Aulenti, grazie al progetto “Cani al lavoro”. Un’iniziativa che facilita l’esistenza dei lavoratori appassionati di quadrupedi, evitando intoppi nella gestione quotidiana dell’animale.

Il progetto, forse in futuro esteso anche ad altre sedi, permette ai dipendenti di portare il cane in ufficio: l’animale può rimanere accanto alla propria scrivania o, ancora, essere accompagnato in una stanza apposita, dove può giocare e interagire con altri esemplari. In questo ambiente, che può accogliere 14 cani alla volta su prenotazione, sono disponibili croccantini, acqua fresca, giochi e tutto l’occorrente per le necessità del quadrupede.

L’accesso degli animali nella sede Unicredit, però, deve seguire delle precise regole, così come sottolinea il quotidiano La Repubblica. Sono infatti ammessi unicamente esemplari di età superiore agli 8 mesi e, inoltre, i quadrupedi dovranno essere dotati di microchip ed essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie e i principali trattamenti antiparassitari. Ancora, è necessario anche essere in possesso di una polizza assicurativa, per eventuali danni alle persone o alle cose.

Sono diverse le aziende che, nel corso degli ultimi anni, hanno deciso di ammettere gli animali domestici all’interno degli uffici. Numerosi studi hanno infatti confermato come la presenza del cane o del gatto non solo riduca l’ansia e lo stress dei lavoratori, ma sia anche fondamentale per migliorare la produttività. Questo effetto benefico non si manifesterebbe unicamente sugli effettivi proprietari degli animali, ma sul team di dipendenti nel suo complesso. Naturalmente, le società che hanno deciso di sposare questa iniziative predispongono anche aree dog-free, per accogliere le necessità dei lavoratori allergici o impauriti dagli animali.

Fonte: Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!