Uccide cane a colpi di pistola, succede in Sardegna

Uccide cane a colpi di pistola, succede in Sardegna

Uccide un Setter Inglese a colpi di pistola perché non sopporta la presenza dei cani: succede in Sardegna, dove un uomo è stato denunciato a piede libero.

Argo, un bellissimo esemplare di Setter Inglese, è stato ucciso domenica pomeriggio da due colpi di pistola. Non un caso fortuito, un errore di caccia come tanti purtroppo se ne leggono sulla cronaca, ma l’azione deliberata di un passante infuriato. Due colpi calibro 7,65, sparati a due metri di distanza: succede a Orosei, in Sardegna, così come denuncia il proprietario.

Franco Murro, titolare di un negozio di calzature e grande appassionato di cani, la scorsa domenica stava portando a spasso i suoi esemplari sulla strada comunale Orosei-Dorgali. Allontanatosi il Setter di una ventina di metri, l’uomo ha sentito il fragore di due spari. Raggiunto il cane, ormai senza vita, ha affrontato il colpevole – un sessantenne della zona – chiedendo il perché di così tanta violenza.

I cani non li posso vedere, se avessi saputo fosse il tuo non gli avrei sparato. Ma ringrazia che gli altri due non erano con lui, sennò avrei ucciso anche loro.

Un gesto incomprensibile anche perché, così come riporta la stampa locale, nulla avrebbe potuto suggerire il cane fosse randagio o particolarmente aggressivo. Dal manto curato e dall’indole molto affettuosa, il Setter pare fosse ben voluto da tutti, tanto da non aver mai suscitato alcuna preoccupazione sul suo comportamento. L’uomo, che detiene regolarmente l’arma, è stato denunciato a piede libero per uccisione e maltrattamento di animali. Le conseguenze rischiano di essere particolarmente dure, perché la normativa prevede sia sanzioni pecuniarie che la detenzione in carcere. E per l’aggressore paiono non esserci scusanti, anche perché sembra abbia confermato quanto accaduto una volta interrogato dalle forze dell’ordine.

Non è la prima volta che si leggono simili notizie sulla stampa, negli ultimi mesi particolarmente frequenti. Dal gatto usato come bersaglio per arco e freccia – e miracolosamente sopravvissuto – al ladro che uccide un cane facendolo a pezzi con una spada samurai, la cronaca riporta vicende così tristi e incomprensibili ormai quotidianamente. Ancora molto deve essere fatto, allora, per educare le persone al rispetto dei diritti degli animali.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!