Turbine elettriche a urina al Carnevale di Rio

Turbine elettriche a urina al Carnevale di Rio

Al Carnevale di Rio 2013 è stata presentata la Electric Pee, una toilette dotata di turbine per generare energia dall'urina.

Tutto si può riciclare, tutto può produrre energia: anche i rifiuti del corpo umano. E quale migliore occasione per produrre grandi quantità di elettricità se non un evento di massa quale il Carnevale di Rio?

>>Scopri le fonti rinnovabili al Super Bowl

Ogni anno il Carnevale di Rio attrae milioni di persone da tutto il mondo, ben 726.000 transitano in totale al famoso Sambodromo durante le giornate di festa. E ogni edizione del Carnevale vede rifiuti fisiologici sparsi qua e là per le strade, il tutto a causa della carenza di bagni pubblici e toilette chimiche portatili. Per l’edizione 2013 non solo si è deciso di provvedere all’igiene cittadina, ma addirittura di produrre energia rinnovabile: degli speciali WC e urinatoi, infatti, sono stati collegati a turbine per produrre elettricità.

L’idea proviene da una delle tante associazioni che organizzano i festeggiamenti del Carnevale, AfroReggae, e dall’agenzia pubblicitaria JVT: dei bagni portatili “intelligenti” che hanno alimentato, nel corso dello scorso febbraio, le carovane e i camion colorati del gruppo. Chiamato “Electric Pee” – pipì elettrica, nome decisamente azzeccato – il sistema convoglia i fluidi corporei su una speciale turbina a elica che, generando elettricità con il movimento, trasmette energia a un accumulatore a batteria.

Sebbene non siano ancora disponibili i dati sull’energia effettivamente prodotta da un così singolare sistema, e nonostante l’impatto in termini di carbon footprint sia comunque esiguo, la proposta pare aver avuto un discreto seguito, almeno per tenere pulite le strade. Complice anche una campagna pubblicitaria a effetto, con un motto davvero invitante:

>>Scopri l’energia prodotta dalle feci di gallina

«The less you pee in the street, the longer the party goes. – Meno fai pipì per strada, più a lungo dura la festa.»

Ricardo John, dirigente del gruppo JVT Brasil, ha così commentato la simpatica ma geniale iniziativa:

«Abbiamo deciso di trasformare una nota dolente, che ha generato molte controversie, in qualcosa di leggero e divertente. Premiamo chi riesce a tenerla più a lungo, in modo che si faccia pipì nel posto giusto, circondati da tanta musica.»

In definitiva, la forza delle fonti rinnovabili è letteralmente a portata di mano.

Seguici anche sui canali social