• GreenStyle
  • Salute
  • Tumori ai polmoni colpa dell’inquinamento, studio lo conferma

Tumori ai polmoni colpa dell’inquinamento, studio lo conferma

Tumori ai polmoni colpa dell’inquinamento, studio lo conferma

Studio europeo conferma rapporto tra inquinamento atmosferico e sviluppo di cancro ai polmoni.

Prima conferma riguardo il legame tra inquinamento atmosferico e tumori ai polmoni. La ricerca è stata condotta da un gruppo di ricercatori europei e pubblicata sulla rivista Lancelot Oncology. Allo studio hanno partecipato anche alcuni scienziati italiani in forza all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Notizie preoccupanti in particolare per l’Italia, che è risultata il Paese europeo con l’aria più inquinata.

Sono stati 8 i Paesi europei interessati dalla ricerca su inquinamento atmosferico e tumori ai polmoni, con indagini svolte, oltre all’Italia, in Olanda, Regno Unito, Norvegia, Grecia, Spagna, Danimarca e Austria. Circa 313 mila i soggetti sottoposti a controlli, tutti di età compresa tra i 43 e i 73 anni, durante i 13 anni in cui si è svolto lo studio.

Partendo dalla registrazione dei dati in riferimento a luoghi di residenza, agli spostamenti di tutti i volontari coinvolti e al numero di essi che hanno nel tempo sviluppato forme tumorali ai polmoni (2.095), i ricercatori hanno messo in relazione questa patologia con l’inquinamento da polveri sottili (PM10 e PM2.5) derivate sia dallo smog che dai sistemi di riscaldamento e dalle industrie.

A destare allarme è innanzitutto la percentuale di incremento di rischio derivata dall’esposizione a smog e inquinamento atmosferico, con il pericolo di contrarre il cancro ai polmoni che aumenta del 22% ogni 10 microgrammi di PM10 per metro cubo in più nell’atmosfera. Percentuale che risulta del 18% per quanto riguarda le PM2.5, a fronte però di una soglia di 5 microgrammi. A questo si somma un +51% di contrarre l’adenocarcinoma, una specifica forma di tumore, per i soggetti non fumatori.

Dati che destano preoccupazione particolare in Italia, dove i livelli di PM10 sono di 46 microgrammi a Torino e di 36 a Roma. Netta la differenza con le località più virtuose, tra cui spiccano Oxford (16 microgr.) e Copenaghen (17). Secondo quanto riferisce il Dr. Ole Raaschou-Nielsen del Danish Cancer Society Research Centre:

Non abbiamo trovato alcuna soglia di inquinamento al di sotto della quale non vi fossero rischi. I risultati mostrano che più aumentano i valori nocivi e più diminuiscono i dati positivi.

Preoccupazione espressa anche dal Dr. Takashi Yorifuji della Okayama University:

A questo punto potremmo dover aggiungere l’inquinamento atmosferico all’elenco delle possibili cause di cancro ai polmoni e riconoscere che l’inquinamento dell’aria ha un grande effetto sulla salute pubblica.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Crema viso antirughe fai da te