• GreenStyle
  • Salute
  • Tumore all’intestino provocato da cibi dolci, lo rivela uno studio

Tumore all’intestino provocato da cibi dolci, lo rivela uno studio

Tumore all’intestino provocato da cibi dolci, lo rivela uno studio

Nuovo studio scozzese individua nelle bevande ad alto contenuti di zuccheri e grassi fattori di rischio per i tumori all'intestino.

Dolci, snack e bibite gassate possono causare tumori all’intestino. A sostenerlo un nuovo studio scozzese, sostenuto dal Medical Research Council, the Chief Scientist Office and Cancer Research UK e pubblicato sulla rivista European Journal of Cancer Prevention.

I 2 mila volontari sottoposti a controlli da parte dei ricercatori scozzesi sono stati divisi in due gruppi: il primo ha seguito un’alimentazione sana composta soprattutto di frutta, verdura e altri cibi definiti salutari, mentre il secondo ha previsto un ampio ricorso alla carne e ad alimenti ad alto contenuto di grassi e zuccheri.

Secondo quanto riferiscono i ricercatori l’alimentazione salutare ridurrebbe il rischio di tumori al colon al pari del fattore aggravante rappresentato da un regime alimentare più tipico dei Paesi occidentali. Come sottolinea il Dr. Evropi Theodoratou, ricercatore presso la University of Edinburgh’s School of Molecular, Genetic and Population Health Sciences:

Quello che abbiamo trovato è molto interessante e merita ulteriori investigazioni riguardo una più ampia popolazione.

Mentre l’associazione positiva tra una dieta ricca di zuccheri e grassi e i tumori al colon-retto non implica però una risposta automatica di “causa-effetto”, risulta importante prendere in considerazione quello che abbiamo trovato, specialmente come le persone nei Paesi più industrializzati consuma dosi maggiori di questi cibi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social