• GreenStyle
  • Salute
  • Tumore ai polmoni colpa dell’ossigeno secondo un nuovo studio

Tumore ai polmoni colpa dell’ossigeno secondo un nuovo studio

Tumore ai polmoni colpa dell’ossigeno secondo un nuovo studio

Respirare ossigeno può aumentare il rischio di tumori ai polmoni, a sostenerlo uno studio statunitense.

L’ossigeno potrebbe aumentare il rischio di tumore ai polmoni. Secondo alcuni ricercatori della University of Pennsylvania e della University of California di San Francisco la respirazione, indispensabile alla vita, del gas attiverebbe meccanismi nocivi dagli esiti potenzialmente cancerogeni.

Respirare ossigeno quindi mostrerebbe un duplice effetto per la salute dell’uomo. In particolare gli sviluppi negativi si verificherebbero quando il gas viene utilizzato per la trasformazione degli alimenti in energia per il corpo, processo dal quale vengono generati sottoprodotti che possono favorire lo sviluppo di tumori: i radicali liberi dell’ossigeno.

Questi sottoprodotti tendono a modificare la struttura stessa del DNA, causando quindi la mutazione delle cellule in strutture cancerose. Per analizzare tali effetti sono stati analizzati nello studio condotto dal Prof. Kamen Simeonov, University of Pennsylvania, e dal Prof. Daniel Himmelstein, University of California di San Francisco, i casi di tumore ai polmoni occorsi in circa 250 contee statunitensi dell’ovest situate ad altitudini differenti.

Dai risultati ottenuti è emerso come i casi di tumore ai polmoni siano diminuiti in media di 7,23 ogni 100 mila abitanti per ogni aumento di 1.000 metri nell’altitudine della località, a cui corrisponde come di norma una minore concentrazione di ossigeno nell’aria. Un collegamento non registrato invece per quanto riguarda altre patologie tumorali come ad esempio quella al seno o all’intestino, dato che ha indotto i ricercatori a ritenere che nel processo di inalazione risiedesse il fattore scatenante della forma tumorale.

Durante lo studio sono stati analizzati anche l’esposizione ai raggi del sole e il fattore inquinamento, entrambi soggetti a variazione in relazione al cambio di altitudine. Quest’ultima giocherebbe quindi un ruolo importante nel processo, che vedrebbe tuttavia nell’ossigeno il principale indiziato seppur non un colpevole certo. Come concludono gli stessi ricercatori statunitensi:

Leggendo i nostri risultati dietro la lente della letteratura, l’ossigeno atmosferico emerge come il colpevole più probabile. Nel complesso i nostri risultati suggeriscono la presenza di un agente cancerogeno inalabile e inversamente collegato all’altitudine.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social