Troppo sale un rischio per le ossa, non solo per il cuore

Troppo sale un rischio per le ossa, non solo per il cuore

Il troppo sale a tavola può portare a danni alle ossa secondo uno studio australiano, ecco perché.

Un consumo troppo elevato di sale rappresenta un pericolo anche per le ossa. Non sarebbero soltanto il cuore e il sistema cardiocircolatorio a rischio in caso di troppo sale nella dieta, ma anche l’apparato scheletrico. Ad affermarlo i ricercatori del Baker Heart and Diabetes Institute di Sydney, guidati dal dott. Andrew Murphy.

I primi risultati preliminari forniti dagli esperti sono di un’azione da parte del sale a danno delle ossa, che risulterebbero “piene di buchi”. Lo studio è stato condotto da Murphy su alcuni topi di laboratorio, che per 12 settimane hanno seguito una dieta contenente un quantitativo di sale equivalente a 12 grammi per l’uomo (un consumo piuttosto diffuso tra le persone).

Sono stati così esaminati gli effetti prodotti dal sale, dall’ipertensione fino ai riflessi sul sistema immunitario e i globuli bianchi. I ricercatori hanno riferito anche di aver esaminato le ossa, trovandole piene di buchi. Come ha affermato Murphy:

Le ossa non sono solide. Sono costituite da un’impalcatura di cellule ossee, con cellule staminali che hanno il compito di produrre nuove cellule per il sangue. Quando le cellule immunitarie cominciano a corrodere l’osso, le staminali si diffondono liberamente.

La maggiore produzione di globuli bianchi finirebbe, spiegano i ricercatori, col riempire i vasi sanguigni portando a ipertensione. Tra i risultati maggiori di questo studio, sottolinea in chiusura Murphy, anche l’assegnare al sistema immunitario un ruolo nell’attivazione del processo che porta alla pressione alta.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole