• GreenStyle
  • Salute
  • Troppa TV aumenta del 35% il rischio di tumore al colon negli uomini

Troppa TV aumenta del 35% il rischio di tumore al colon negli uomini

Troppa TV aumenta del 35% il rischio di tumore al colon negli uomini

Guardare troppa TV può aumentare il rischio di sviluppare un tumore al colon, stile di vita nel mirino secondo i ricercatori.

Guardare troppa televisione può aumentare il rischio di tumore al colon. A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori della University of Oxford, dell’Imperial College London e dello UN International Agency for Research on Cancer. I più a rischio sarebbero gli uomini che guardano troppa televisione, per i quali l’incremento risulterebbe del 35%.

Secondo i ricercatori il rischio di tumore al colon diventerebbe particolamente alto (+35%) per gli uomini che trascorrono più di 4 ore al giorno trascorse davanti alla televisione. Per le donne guardare troppa TV inciderebbe appena per l’11%.

Questo sarebbe legato soprattutto allo stile di vita: stando ai risultati ottenuti gli uomini sedentari tenderebbero più delle donne a fare uso di sigarette, alcolici e cibo spazzatura quando si trovano seduti davanti allo schermo televisivo. Come ha sottolineato il dott. Neil Murphy, autore principale dello studio e ricercatore presso lo IARC in Francia:

Una precedente ricerca suggerisce che guardare la TV possa essere associato con altri comportamenti, come fumare, bere alcolici e mangiare snack con maggiore frequenza del solito e sappiamo che queste cose possono incrementare il rischio di cancro all’intestino.

Essere sedentari è anche associato con il guadagno di peso e a una maggiore percentuale di grasso corporeo. Il grasso corporeo in eccesso influenza i livelli ormonali nel sangue e altri componenti che agiscono su come le cellule crescono e possono aumentare il rischio di tumore intestinale.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social