Troppa caffeina può causare ansia e attacchi di panico

Troppa caffeina può causare ansia e attacchi di panico

Un ricorso eccessivo alla caffeina può provocare ansia e attacchi di panico, l'avvertimento dai ricercatori dell'Università del Michigan.

La caffeina è una droga che a livelli troppo elevati può provocare ansia, stress e persino attacchi di panico. L’avvertimento è contenuto nello studio “Anxiety Or Caffeinism: A Diagnostic Dilemma” presentato dal Dr. John Greden della University of Michigan.

Contenuta nel caffè come in misura ridotta anche nel tè (soprattutto nel tipo nero, ma presente a livelli inferiori anche nelle varianti verde o Pu’Er), la caffeina rappresenta spesso un modo veloce e molto utilizzato per risvegliare l’attenzione. Questo malgrado alcuni studi abbiano dimostrato come l’esercizio fisico possa sostituire e persino migliorare gli effetti garantiti da una tazzina di espresso.

Il ricercatore fa l’esempio di un’infermiera 27enne, ricoverata con sintomi riconducibili ad un serio disturbo d’ansia come vertigini, battito cardiaco irregolare, mancanza di respiro e mal di testa. Il tutto si è rivelato, dopo le analisi, frutto dell’eccessiva assunzione da parte della donna di caffeina.

La paziente ha dichiarato in questo caso di aver assunto tra le 13 e le 14 tazze di caffè durante la giornata. Dopo la sospensione dell’assunzione di caffeina i sintomi sono regrediti fino a scomparire. Un esempio di certo estremo rispetto al ricorso medio alla sostanza, inferiore in molti casi, ma che punta il dito sulla mancanza di consapevolezza di alcuni consumatori compulsivi.

L’ipotesi avanzata è che sia necessario quindi, in caso di pazienti affetti da gravi stati d’ansia, l’analisi preliminare dei livelli di caffeina assunta durante la giornata. In caso di assunzioni importanti o di chiara predisposizione a subirne gli effetti, il suggerimento è di provare, come terapia preliminare, lo stop all’assunzione della sostanza durante il giorno prima di ricorrere alle terapie farmacologiche.

Questo perché, si sostiene all’interno del documento, la risposta alla caffeina può risultare molto differente da individuo a individuo a causa di una possibile predisposizione genetica.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata