Trattamenti autunnali piante da frutto: cosa non dimenticare

Trattamenti autunnali piante da frutto: cosa non dimenticare

Fonte immagine: Pixabay

Le cure e i trattamenti di cui hanno bisogno le piante da frutto in autunno per crescere sane e rigogliose in primavera: tutto quello che c’è da sapere.

In autunno le piante da frutto hanno bisogno di alcune cure specifiche per poter assicurare una crescita rigogliosa in futuro, trattamenti che devono essere eseguiti proprio quando le piante si trovano alla fine del loro ciclo produttivo e iniziano il periodo di riposo.

Non tutti gli alberi da frutto, tuttavia, si trovano in questa fase durante i mesi autunnali, basti pensare agli agrumeti che sono in piena attività anche a inverno inoltrato. In generale, una volta conclusa la raccolta dei frutti, è bene adottare alcune buone pratiche volte a preservare la salute delle piante che terminano la produzione di frutti proprio in questo periodo, come le mele, i kaki e i kiwi.

Raccolta delle foglie e pulizia dei rami

Il primo step da compiere in autunno per favorire il benessere delle piante da frutto, è la raccolta delle foglie: è necessario raccoglierle ed eventualmente riutilizzarle per attività di compostaggio, purché non siano state colpite da parassiti o da malattie specifiche. In questo caso è invece opportuno bruciarle, evitando contaminazioni, anche perché i parassiti tendono proprio a colonizzare le foglie umide e possono diventare molto pericolosi per la pianta. È anche determinante eliminare i rami ormai morti, secchi o comunque danneggiati, estirpando le erbe infestanti e i frutti eventualmente presenti sul terreno.

Spazzolatura del tronco

La spazzolatura del tronco è un trattamento molto utile che permette di prevenire ogni possibile azione futura dei parassiti. L’azione meccanica, infatti, consente di eliminare ogni eventuale presenza di uova, larve o pupe in modo semplice e totalmente naturale, soprattutto limitando il rischio che i parassiti possano essersi annidati negli interstizi della corteccia. Per eseguire la spazzolatura è possibile utilizzare una spazzola di ferro abbastanza resistente, da utilizzare anche lungo i rami, procedendo poi con l’uso di un disinfettante per ottenere una pulizia ottimale (è possibile utilizzare, ad esempio, della poltiglia bordolese (prodotto che si ottiene diluendo in acqua solfato di rame e calce spenta).

Potatura e concimazione

Nel momento in cui termina la caduta delle foglie, è importante procedere con una prima potatura che sia finalizzata ad accorciare i rami, in modo tale da riprenderla in primavera. Per quanto riguarda la concimazione, in autunno le piante da frutto hanno bisogno di sostanze utili a migliorare il terreno soprattutto se molto argilloso, o particolarmente ricco di sabbia.

In questi casi, è bene ripetere la concimazione anche in primavera. In generale è necessario distribuire un fertilizzante a base di fosforo e potassio, infatti lo scopo primario della concimazione è quello di evitare carenze nutritive. Anche l’apporto di azoto è fondamentale e, in generale, è consigliato l’uso di un concime a rilascio lento e controllato.

Protezione dal freddo

Gli alberi da frutto piantati nelle zone particolarmente fredde, infine, hanno bisogno di una maggiore protezione dal gelo e dalle possibili intemperie. È possibile utilizzare della semplice paglia, oppure ricorrere ad altri materiali che creino un effetto di isolamento tale da non creare danni alla pianta.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle