Torna la barbarie dei cani avvitati in Bulgaria

Torna la barbarie dei cani avvitati in Bulgaria

Torna sulla cronaca la barbarie dei cani appesi in Bulgaria, legati a una corda e lanciati nel vuoto per combattere gli spiriti maligni.

Aveva rapidamente solcato i social network lo scorso anno e, a distanza di 12 mesi, si ripropone nella sua tragicità: stiamo parlando della barbarie dei “cani avvitati” in Bulgaria, una tortura derivante da assurde convinzioni di medicina tradizionale.

>>Scopri la strage di cani in Ucraina

Da tempo a Brodilovo, un paesino nel sud della nazione, la tradizione vuole il maltrattamento di un cane per tenere lontani gli “spiriti maligni”, portatori di sventura e di malattie come la rabbia. La pratica vede la stesura di una corda sopra a un torrente, a cui viene legato un cane tramite un cappio arrotolato. Proprio come i giochi dei bambini sulle altalene, l’animale viene quindi trattenuto in una velocissima centrifuga data dallo sgroviglio della fune, finché cade in acqua confuso, spaventato e stremato.

Non capita di rado che le vittime di questa barbarie muoiano. La corda stretta sul petto impedisce la normale respirazione, a cui si aggiunge ovviamente la nausea e le difficoltà dovute alla forza centrifuga. Così molti cani, una volta caduti in acqua, annegano. Tra le risate e i festeggiamenti dei presenti.

Si dice che la tradizione prosegua da secoli, anche se le prime prove documentate risalgono al 2005, quando alcuni video sono apparsi in Rete. Data la drammaticità delle scene, si è deciso di non proporre il filmato in calce a questo articolo, ma chi volesse affrontare una simile visione troverà di certo risposta alle proprie curiosità su YouTube.

>>Scopri il problema dei randagi in Romania

Negli anni sono state diverse le associazioni animaliste che hanno cercato di fermare questa tradizione insensata, senza però successo. Il paesino rurale, decisamente isolato dal resto del mondo, è ancora lontano dall’apprendere i primari diritti degli animali e ci vorrà molto tempo per convincere la popolazione ad abbandonare superstizione e leggende popolari.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!