La tigre della Tasmania torna in Australia

La tigre della Tasmania torna in Australia

Fonte immagine: Wikipedia

Il tilacino, noto come tigre della Tasmania, potrebbe essere tornato in Australia: la specie non viene avvistata nel Paese dal lontano 1936.

La tigre della Tasmania potrebbe essere tornata in Australia, dopo lunghi decenni dal suo ultimo avvistamento. È quanto rivelano alcuni ricercatori nell’aver rinvenuto alcune tracce forse connesse all’animale, sebbene l’esemplare non sia stato effettivamente confermato. Dal 1936, infatti, non si hanno più notizie di questa singolare specie, da allora ritenuta completamente estinta.

Conosciuto anche come tilacino, questa specie rappresenta l’esemplare più grande fra i marsupiali carnivori conosciuti dall’uomo. Dalle fattezze non dissimili a un lupo, e un corpo striato, l’animale è scomparso negli anni ’30 del secolo scorso, a seguito delle attività dell’uomo, tra cui una caccia senza controlli alcuni. Di recente, tuttavia, alcuni operatori turistici e un responsabile di un parco naturale avrebbero notato dei quadrupedi con segni forse riconducibili alla tigre, tanto da insinuare il dubbio la specie non si sia effettivamente estinta.

Per questo motivo, un gruppo di ricercatori ha deciso di posizionare, nei prossimi mesi, ben 50 telecamere e alcune trappole nei pressi della penisola di Cape York, con la speranza di poter testimoniare il ritorno dell’animale in Australia. L’esatta posizione, tuttavia, non sarà resa nota al pubblico: non solo per evitare l’arrivo di curiosi, che potrebbero spaventare gli esemplari allontanandoli, ma anche per scongiurare il rischio della caccia di frodo e del bracconaggio. Bill Laurence, uno dei ricercatori al lavoro sul progetto, così ha commentato sulla stampa locale:

Tutti gli avvistamenti di possibili esemplari di tilacino risalgono alla notte e, in un episodio, quattro animali sarebbero stato rilevati a breve raggio, con l’ausilio di una torcia. Abbiamo verificato le descrizioni che abbiamo ricevuto, in merito al colore del riflesso degli occhi, la dimensione e la forma del corpo, il comportamento degli animali e altri attributi. Questi sono compatibili con gli attributi di altre specie note nel Queensland, come i dingo o i cinghiali.

Per quanto simile ai cani e ai lupi, il tilacino ha un percorso evolutivo diverso: oltre a essere un marsupiale, ha sviluppato denti unici e ben differenziati dai canidi. La caccia irrefrenabile degli anni ’30, così come malattie trasmesse dai cani d’importazione in Australia, ne hanno però determinato una veloce decimazione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!