• GreenStyle
  • Consumi
  • The Vegetarian Chance 2018: dieta verde contro i cambiamenti climatici

The Vegetarian Chance 2018: dieta verde contro i cambiamenti climatici

The Vegetarian Chance 2018: dieta verde contro i cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici al centro del Festival The Vegetarian Chance 2018, che ha proposto la scelta vegetariana per il bene del Pianeta.

Si è conclusa la quinta edizione del Festival The Vegetarian Chance ed è tempo di bilanci per l’evento, che ha fatto della frase “la cucina a base vegetale fa bene al palato, alla salute, al pianeta, allo spirito e anche al portafoglio” il suo elemento di continuità. A variare sono stati in questi anni i focus, quest’anno dedicato ai cambiamenti climatici (“Mangia la foglia, salva il Pianeta” il tema di quest’anno) e gli ospiti presenti, con la presenza di Giancarlo Colombo, El Giardinet, Marisa del Corno di Pioppo Tremulo, Aina Pacifico di Cascina Dulcamara (intervistati da Gabriele Eschenazi).

Come emerso durante il Festival The Vegetarian Chance 2018, andato in scena il 12 e 13 maggio a Milano presso la Fabbrica del Vapore, i cambiamenti climatici portano da un lato alla distruzione di diversi ecosistemi vegetali, mentre dall’altro incoraggiano la “proliferazione di malattie e parassiti fino a poco tempo fa sconosciuti nelle nostre zone”. Aina Pacifico ha portato come esempio delle immagini che mostrano i danni da raffiche di vento violente arreccati ai suoi alberi di noci, mentre Marisa del Corno ha spiegato il valore della biodiversità raccontando l’utilità di “piantare sempre in contemporanea varietà diverse di fragole o pomodori, che hanno reazioni diverse rispetto a malattie e parassiti”.

Il contributo di Giancarlo Colombo ha sottolineato l’importanza di una difesa della biodiversità da parte degli stessi consumatori attraverso una scelta consapevole degli alimenti da acquistare. Lo stesso Colombo ha messo a disposizione presso il suo banco erbe selvatiche, piante e fiori freschi per il consumo alimentare, appena colti. Quando un consumo a fresco non è possibile ci si può aiutare con l’essiccazione o con la catena del freddo, ad esempio la surgelazione.

Quest’ultima è stata tra i punti chiave della presenza di Orogel, partner dell’iniziativa, presso il cui spazio si è svolto lo show cooking dello chef Pietro Leemann (che ha preparato Anima Mundi, un tortino di patate e lenticchie, con salsa magrebina e crema di avocado siciliano), a sua volta accompagnato dalla nutrizionista Elisa Brighenti. Ospite d’onore del Festival il medico e ricercatore americano Neal Barnard, presidente del Physicians Committee for Responsable Medicine.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

I benefici e il corretto uso del vegetarismo