• GreenStyle
  • Auto
  • Tesla Model 3: altoparlante nel sottoscocca per generare rumore?

Tesla Model 3: altoparlante nel sottoscocca per generare rumore?

Tesla Model 3: altoparlante nel sottoscocca per generare rumore?

Fonte immagine: YouTube

Tesla starebbe sperimentando un sistema acustico per simulare il rombo del motore. Un primo indizio potrebbe essere una specie di altoparlante sistemato nel sottoscocca della Model 3.

Tesla potrebbe presto implementare sulla Model 3 un sistema di generazione del rumore che simula il rombo meccanico di un propulsore a scoppio. L’ipotesi è avallata da un video pubblicato sul Web e rientra perfettamente nel contesto che vedrà entrare in vigore negli USA una norma che obbliga i costruttori a dotare i veicoli elettrici di simili sistemi.

L’obbligo sarà valido entro la fine del prossimo anno, ma probabilmente a Palo Alto vogliono arrivare preparati all’appuntamento con un certo anticipo, come confermano alcuni schemi tecnici riservati risalenti a circa tre anni fa in cui si parlava proprio di un dispositivo di generazione di rumore da applicare alla Tesla Model S.

La soluzione potrebbe essere stata trovata con la Model 3, che proprio nella parte anteriore del sottoscocca presenta quello che sembra a tutti gli effetti un altoparlante. Se così fosse vorrebbe dire che Tesla si affiderà a un generatore di rumore digitale progettato per diffondere il rumore nella parte antistante il veicolo, così da avvisare acusticamente del passaggio chi si trova nell’area interessata.

Va ricordato che la silenziosità delle auto elettriche è il loro maggior pregio per quel che riguarda il comfort di viaggio, ma è allo stesso tempo il loro maggior difetto se si considera il rischio che un pedone distratto possa non accorgersi di un veicolo che sopraggiunge silenziosamente.

Da questo scenario di possibile pericolo nasce l’esigenza di dotare le vetture con una sorta di avvisatore acustico in grado di simulare il rombo di un motore a scoppio o, quanto meno, di emettere un suono chiaro e forte per “comunicare” il proprio passaggio a pedoni, ciclisti e ad altri utilizzatori della strada.

Seguici anche sui canali social