Terremoto in Umbria: scosse di magnitudo 3.6 e 3.3

Terremoto in Umbria: scosse di magnitudo 3.6 e 3.3

Scosse di terremoto nella notte in Umbria. Due ravvicinate intorno alle tre, magnitudo 3.6 la massima.

Torna la paura per il terremoto in Umbria. Nella notte due scosse di magnitudo 3.6 e 3.3 si sono avvertite alle 2:52 e alle 2:53 al confine con le Marche. Ad essere colpita è stata soprattutto l’area intorno a Città di Castello, in provincia di Perugia. Scosse di minore intensità anche in Piemonte, con la terra che ha tremato a sud di Alessandria (magnitudo 2.4).

>>Leggi i consigli della Protezione Civile su come comportarsi durante un terremoto

Al momento non si registrano particolari danni agli edifici o vittime, ad ogni modo il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta ha disposto la chiusura temporanea delle scuole e ha fatto attrezzare il locale Palazzetto dello Sport a centro d’accoglienza per le emergenze. Predisposto anche il coordinamento dell’amministrazione comunale presso la Cittadella dell’emergenza. Lo stesso primo cittadino ha così annunciato:

>>Leggi le dichiarazioni di Clini sulla necessità di rivedere le mappe sul rischio sismico

Le scosse registrate alle 2.52 e alle 2.53 si riferiscono allo stesso distretto sismico del terremoto del 20 aprile scorso stesso epicentro e stessa intensità del precedente con un primo evento di intensità 3.6 e di un secondo di 3.3. In attesa di altre informazioni, le scuole di Città di Castello oggi rimarranno chiuse.

I vigili del fuoco sono ancora al lavoro per verificare eventuali danni o persone in difficoltà. Segnaliamo infine il numero telefonico per le emergenze, a cui rivolgersi in caso di necessità: 075 8520744.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi