Terremoto in Emilia: danni all’agricoltura per 250 milioni

Terremoto in Emilia: danni all’agricoltura per 250 milioni

Dopo il terremoto in Emilia Romagna si aggrava il bilancio anche per gli allevatori di bestiame, un danno secondo Coldiretti di almeno 50 milioni di euro.

Il terremoto in Emilia Romagna causerà all’agricoltura almeno 250 milioni di danni. Questo il primo bilancio che Coldiretti e Consorzio Grana Padano e Parmigiano Reggiano tracciano dopo il sisma che ha sconvolto l’Italia centro-settentrionale. A pesare sono soprattutto i molti animali rimasti sotto le macerie delle stalle in cui alloggiavano la notte della prima devastante scossa e alcune centinaia di migliaia di forme di Parmigiano e Grana.

Pesanti i danni registrati dopo il terremoto in Emilia Romagna per gli allevatori, con Mirandola e e San Felice sul Panaro che registrano il crollo del tetto di due aziende di allevamento di maiali. Tra San Felice e Medolla si è invece registrato il crollo di una stalla in cui si trovava al momento una mandria di vacche.

Pesante anche il bilancio per quanto riguarda le perdite registrate dal Consorzio Grana e Parmigiano. Al momento le stime oscillano tra le 200 e le 300 mila forme andate perdute, a fronte di un danno potenziale di almeno 100 milioni di euro. Una cifra che potrebbe però presto essere ritoccata al rialzo, come sottolinea Stefano Berni, direttore generale del Consorzio:

Diverse migliaia di tonnellate di Grana Padano e Parmigiano Reggiano, che verranno mandate in fusione. Un danno pesantissimo.

A questi danni vanno aggiunti quelli registrati da piccole e medie aziende agricole e fabbricati rurali, mentre a rischio sono ulteriori allevamenti e di conseguenza capi di bestiame. Nel ferrarese è crollato un impianto fotovoltaico posizionato sul tetto di un ricovero per macchinari danneggiando le attrezzature posizionate al suo interno.

Già attivo risulta il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che nella nota diffusa sottolinea come in merito all’emergenza terremoto abbia:

Attivato un monitoraggio dei danni per definire, in coordinamento con le Regioni e tutte le altre istituzioni interessate, il reale ammontare delle perdite per le aziende e gli agricoltori.

Fonti: ANSA | AGI

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella