Terra più verde di 20 anni fa: merito di Cina e India

Terra più verde di 20 anni fa: merito di Cina e India

Fonte immagine: Pixabay

Terra più verde di 20 anni fa secondo i dati forniti dai satelliti NASA, ma i ricercatori della Boston University invitano alla cautela.

La Terra è più verde rispetto a 20 anni fa. Grazie soprattutto alla Cina e all’India secondo quanto rilevato dai satelliti NASA, i cui dati sono stati oggetto di studio da parte della Boston University. La pubblicazione della ricerca è avvenuta sulla rivista scientifica “Nature Sustainability“. Nella sola nazione cinese si è verificato un aumento delle aree verdi del 25% a partire dai primi anni 2000.

Più in generale il verde sulla Terra sarebbe aumentato del 5% durante lo stesso periodo, una distesa simile per grandezza all’intera foresta pluviale dell’Amazzonia. L’espansione delle foreste in Cina risulta frutto, per il 42%, di una politica di conservazione e sviluppo forestale, mentre un ulteriore allargamento delle aree verdi pari al 32% (valido anche per l’India) deriva da colture intensive per uso alimentare. Come ha dichiarato Chen Chi, ricercatore presso la Boston University e prima firma dello studio:

La Cina e l’India rappresentano un terzo del rinverdimento globale pur contenendo solo il 9% dell’area terrestre del Pianeta coperta di vegetazione. Questa è una scoperta sorprendente, considerando il dato generale di degrado del suolo per lo sfruttamento eccessivo nei Paesi popolosi.

Anche gli esseri umani in qualche modo sembrano contribuire con la loro esistenza alla diffusione del verde, come spiegato da Rama Nemani, co-autore dello studio e ricercatore NASA impiegato presso il Centro di ricerca Ames:

Quando è stato osservato per la prima volta l’aumento di verde della Terra, abbiamo pensato che fosse dovuto a un clima più caldo e umido e alla fertilizzazione dovuta al biossido di carbonio aggiunto nell’atmosfera. […] Gli esseri umani sono incredibilmente resilienti, questo è ciò che vediamo nei dati satellitari.

I ricercatori hanno lanciato però un monito, invitando a non abbassare la guardia in merito alla deforestazione di Paesi tropicali come Brasile e Indonesia. Come spiegato dagli studiosi tale perdita naturale non può essere compensata dalla crescita del verde in altre nazioni, questo a causa della contemporanea riduzione in termini di biodiversità e sostenibilità.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Opera2030 Open Day II “Truth News and Good Actions”