• GreenStyle
  • Salute
  • Taranto, record di tumori: 1 ogni 18 abitanti nella zona industriale

Taranto, record di tumori: 1 ogni 18 abitanti nella zona industriale

Taranto, record di tumori: 1 ogni 18 abitanti nella zona industriale

Numero record di casi di tumore a Taranto. Nella zona industriale punte di 1 caso ogni 18 abitanti.

Da Taranto ancora numeri record per quanto riguarda il tasso di malati di tumore. Secondo quanto diffuso dall’associazione ambientalista Peacelink la proporzione di chi è affetto da questa patologia tocca punte di 1 caso ogni 18 abitanti nella zona industriale del centro pugliese.

Un numero elevato, che l’associazione ha ricavato analizzando i dati sull’esenzione dal ticket sanitario per “malattie tumorali” (codice: 048), riconosciuta a 8.916 individui su 191.848 residenti (dato ultimo Censimento). In particolare, sottolinea Peacelink:

Nel distretto sanitario 3, che comprende i quartieri più vicini all’area industriale (quartiere Tamburi, Paolo VI, Città Vecchia e parte del Borgo), c’è un malato di cancro ogni 18 abitanti. Per la precisione 4328 malati su 78mila abitanti.

Migliora, ma non di molto la diffusione nelle altre zone di Taranto: nei quartieri più lontani dal polo industriale si registra 1 caso di tumore ogni 26 abitanti. Numeri che si suppone siano stimati al ribasso se considerati i possibili casi di tumori latenti (non ancora manifestatisi) o non diagnosticati.

Dati che secondo l’associazione devono far riflette e spingere l’amministrazione comunale e sanitaria a dotarsi in fretta di strumenti di rilevazione più rapidi ed efficaci. Informazioni immediate e precise riguardanti diagnosi e ricoveri provocati da malattie gravi possono contribuire, sottolinea Peacelink, allo sviluppo di opportuni studi epidemiologici:

Avere un situazione aggiornata è possibile con i sistemi informatici in rete. Occorre in particolare conoscere il dato aggiornato della mortalità quartiere per quartiere, in modo che la magistratura possa intervenire lì dove le autorità politico-amministrative non lo facessero. Purtroppo invece conosciamo solo dati vecchi di anni e i politici di governo ripetono come un mantra che la situazione sta migliorando.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social