Tagliare il prato in modo ecologico: arriva il robot Mission

Tagliare il prato in modo ecologico: arriva il robot Mission

Mission è il rivoluzionario robot rasaerba di Neumann: completamente automatizzato, mantiene il prato perfetto, riduce l'inquinamento e i consumi.

Redazionale sponsorizzato

Un giardino perfetto è il sogno di qualsiasi proprietario di casa che si rispetti. Ma quanta fatica costa gestire il prato, tra i tagliaerba rumorosi e inquinanti, le ore passate sotto il sole cocente dell’estate, quella rasatura non uniforme che di certo non farà invidia al proprio dirimpettaio. Sì, perché l’erba del vicino non è sempre più verde, soprattutto quando non si utilizzano gli strumenti giusti. Dall’innovazione Neumann arriva però Mission, il primo robot automatizzato per un taglio del prato ordinato, economico, ecologico e soprattutto silenzioso.

Mission è un drone da giardino che, nonostante le dimensioni compatte, svela una grandissima potenza. Intelligente e completamente autonomo, il robot passa al setaccio ogni angolo del prato e, oltre a evitare gli ostacoli, mantiene il manto erboso sempre sano, tanto da rendere superfluo il ricorso a fertilizzanti o altri composti chimici. È il mago del giardinaggio, il tutto a zero rumore, zero emissioni, zero fatica.

Mission
Mission risparmia acqua in estate

Neumann Robotics ha voluto realizzare per gli appassionati del giardino uno strumento come mai si è visto prima sul mercato. La bellezza dei prati curati con Mission la si riconosce a occhio nudo, questo perché non solo le sue lame offrono sempre un taglio netto e preciso – un fattore di importanza fondamentale per la salute dell’erba, con la riduzione di infezioni e attacchi dagli agenti esterni – ma anche grazie all’attività automatizzata di fertilizzazione del terreno. Mission sparge infatti sul prato dei piccoli frammenti di vegetazione già tagliata che, oltre a concimare il suolo favorendo così l’humus ideale per la crescita, tiene sotto controllo il proliferare delle erbacce e impedisce la rapida evaporazione dell’acqua. E una maggiore umidità del terreno significa anche un bel risparmio in bolletta, perché con Mission l’irrigazione si farà necessaria con una minore frequenza. Un elemento non da poco soprattutto in estate, quando tanti comuni dello Stivale riducono notevolmente le possibilità di bagnare il prato per evitare il rischio siccità.

Mission al lavoro di notte
Mission al lavoro di notte

Non è però tutto. Oltre a liberare il proprietario dal fardello di dover tagliare il prato – un obbligo stancante e noioso, soprattutto quando in vacanza ci si deve svegliare all’alba per evitare le ore più calde della giornata – Mission è amico dell’ambiente e della salute. Delle ricerche condotte dalla Environmental Protection Agency hanno rivelato come un tagliaerba convenzionale sia paragonabile, almeno a livello di emissioni, a una vettura Euro 1. Questo vuol dire che in un anno sul terreno verrano rilasciate una lunga serie di sostanze dannose, come idrocarburi incombusti, ossido d’azoto, biossido di carbonio e polveri irritanti varie. Non il miglior dei biglietti da visita, soprattutto se il prato è frequentemente abitato dai bambini, intenti a giocare al pallone, o luogo d’elezione per le infinite corse di Fido. Mission, essendo completamente alimentato a batteria, non immette in atmosfera nessuna sostanza dannosa, per la massima sicurezza di chi usufruirà di quel manto erboso. L’inquinamento non si esplica però soltanto in termini di sostanze nocive per la salute, ma anche a livello uditivo: quante volte sarà capitato di svegliarsi all’alba, magari la mattina di una tranquilla domenica, dal rumore assordante di macchine motorizzate e altri strumenti nemici del riposo? Mission può addirittura lavorare di notte, perché i suoi 57 decibel in fase operativa – ben al di sotto degli 85-90 di un classico tagliaerba – sono praticamente impercettibili.

Capace di gestire fino a 2.000 metri quadrati di giardino, resistente alle intemperie e in grado di scalare pendenze del 35%, Mission è anche dotato di un sistema antifurto e di sensori di sicurezza, pensati per bloccare automaticamente le lame ogni qualvolta il dispositivo venga sollevato. E per la ricarica? Il robot, grazie alla sua intelligenza artificiale, comprende autonomamente quando l’energia si stia per esaurire e raggiunge così la sua piattaforma di collegamento. Quando ci si deve allontanare da casa, poi, il carico di lavoro settimanale può essere programmato anzitempo grazie alla sua interfaccia intuitiva. In definitiva, Mission è la rivoluzione del prato, è il compagno fedele di tutti gli appassionati di giardinaggio. A mancargli, forse, giusto la parola.

Richiedi una prova gratuita di Mission direttamente a casa tua!

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Giardinaggio, come facilitarlo