• GreenStyle
  • Salute
  • Tablet e pc dannosi per gli occhi, rischi per la retina e maculopatie

Tablet e pc dannosi per gli occhi, rischi per la retina e maculopatie

Tablet e pc dannosi per gli occhi, rischi per la retina e maculopatie

Tablet e computer nemici degli occhi, troppe ore davanti allo schermo aumentano i rischi per la retina e favoriscono le maculopatie.

Computer e tablet possono mettere a grave rischio gli occhi di chi è davanti allo schermo. Ad affermarlo è il dott. Alessandro Eftimiadi, specialista in oftalmologia, responsabile branca Oculistica del Gruppo Sanitario Usi, che sottolinea come tra le possibili cause del fenomeno vi siano le ormai note luci blu. Queste radiazioni sottoporrebbero gli occhi a forte stress, quindi a problematiche di varia natura.

Stando a quanto affermato dallo specialista l’utilizzo di tablet e computer provocherebbe danni irreversibili soprattutto tra i giovanissimi. La colpa è soprattutto della tendenza a fissare lo schermo, riducendo così la lacrimazione e l’idratazione del bulbo oculare. Ciò porta l’occhio ad arrossarsi e in caso di utilizzo notturno provoca problemi nel ciclo sonno-veglia.

Col passare del tempo, prosegue Eftimiadi, si rischiano problemi irreversibili a danno del neuroepitelio e dei fotorecettori. Il tutto si traduce in un incremento delle possibilità di sviluppare maculopatie. Senza contare che fissare lo schermo a distanze sui 30 centimetri stimola la miopia. Superare le 3 ore al giorno davanti a tablet o computer può produrre danni alla macula persino in giovanissima età (al di sotto dei 10 anni).

Già intorno ai 55 anni si registrano diversi casi di maculopatia, spiega l’esperto, che sottolinea l’importanza di ridurre il numero di ore giornaliere trascorse davanti allo schermo a meno di tre, ricordandosi di indossare occhiali in grado di schermare le luci blu anche in assenza di difetti alla vista.

Fonte: Adnkronos

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli