Le strisce delle zebre allontanano le zanzare

Le strisce delle zebre allontanano le zanzare

Fonte immagine: Pexels

Le strisce delle zebre tengono lontane zanzare e altri insetti: è quanto dimostra uno studio condotto sui cavalli, dotati di apposito mantello.

Le strisce delle zebre potrebbero avere l’utile funzione di tenere lontani insetti indesiderati e pericolosi, come le zanzare. È quanto è emerso lo scorso gennaio, da uno studio sui dipinti sul corpo di alcune popolazioni rurali dell’Australia e dell’Asia, oggi ribadito da una nuova ricerca. Pubblicata su Plos One, e condotta dall’Università di Bristol e dall’Università della California Davis, l’indagine ha analizzato i tipici pattern del manto delle zebre, riproducendole poi su cavalli per verificarne l’efficacia.

La possibile funzione deterrente delle strisce delle zebre, utile a scacciare insetti indesiderati, è nota da qualche anno: già nel 2014, come riferisce ANSA, diversi studiosi hanno rilevato come le zanzare preferiscano colpire i cavalli anziché le zebre. I due atenei sopracitati hanno quindi deciso di condurre un esperimento, per raccogliere eventuali evidenze empiriche e scientifiche su questa ipotesi. A questo scopo, un gruppo di cavalli è stato dotato di un apposito mantello in tessuto, pensato per riprodurre alla perfezione il tipico manto delle zebre. Come ipotizzato, l’alternanza dei colori bianco e nero ha allontanato un gran numero di insetti, come le già citate zanzare e i tafani.

Secondo quanto riferito dai ricercatori, il pattern cromatico tipico delle zebre risulterebbe difficile da elaborare visivamente dagli insetti: questi ultimi, confusi e infastiditi, preferirebbero quindi allontanarsi rilevando una situazione apparentemente pericolosa. In particolare, è stato notato come gli insetti fatichino a posarsi sul mantello, forse per un’alterazione del loro senso dell’orientamento.

Questa scoperta è molto importante, poiché alcuni insetti – tra cui proprio le zanzare – sono purtroppo vettori per gravi malattie, sia per l’uomo che per gli stessi equini. La produzione di abiti, mantelli e altre soluzioni in tessuto può quindi rappresentare una soluzione veloce, e soprattutto economica, per ridurre sensibilmente il rischio di morsi e punture non voluti.

Fonte: ANSA

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!