Strisce blu a Roma: stop ad abbonamenti e parcheggi gratuiti

Strisce blu a Roma: stop ad abbonamenti e parcheggi gratuiti

In arrivo la delibera che rivoluzionerà le strisce blu a Roma: ecco le principali novità in arrivo per la sosta delle auto private.

Sono ormai in dirittura d’arrivo i provvedimenti che rivoluzioneranno la sosta a Roma. Entro un paio di settimane la delibera Cinquestelle dovrebbe arrivare in Giunta e dopo un breve iter diventare pienamente esecutiva. Cambieranno come ormai noto i costi delle strisce blu, che oltre alle modifiche “orarie” vedranno sparire gli abbonamenti giornalieri e mensili. Via le “strisce bianche” anche dalle 16 vie commerciali segnalate, quelle dove i residenti non godranno più della gratuità finora prevista.

Con l’obiettivo dichiarato di incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici disincentivando l’auto privata, la Giunta Raggi abolirà gli abbonamenti mensili da 70 euro, le tariffe giornaliere da 4 euro. Tra le 10 e le 18 non sarà valida nemmeno la gratuità per i residenti delle seguenti vie commerciali: viale Giulio Cesare, via Cola di Rienzo, via Candia, via dello Statuto, piazza Vittorio Emanuele, via Appia Nuova, via Magna Grecia, viale Trastevere (primo tratto subito dopo ponte Garibaldi), viale Europa (Eur), viale Regina Margherita (nel tratto compreso tra via Salaria e via Nomentana) e viale Parioli. Come ha dichiarato il presidente della commissione Mobilità di Roma Capitale, Enrico Stefàno:

È una delibera importante perché tende a disincentivare l’uso dell’auto privata. Per quest’anno sono previsti molti investimenti sul trasporto pubblico, da aprile ritorneranno in circolazione i minibus elettrici e vi saranno anche nuovi autobus. Dovrebbero quindi costituire un mezzo efficiente per decongestionare il traffico.

È comunque scattata una serie di proteste da parte dei residenti, che a lungo hanno chiesto a Stefàno un tavolo nel quale affrontare le possibili criticità per chi abita nelle 16 vie commerciali sopracitate. Un incontro che avverrà intorno a fine mese, sottolinea il comitato “Il Miglio Blu” (nato proprio in opposizione a tale provvedimento), quando ormai il testo della delibera sarà pronto.

Il Campidoglio tira dritto nonostante le polemiche ed è pronto ad avviare la rivoluzione tariffaria, che modificherà il pagamento delle strisce blu a Roma. Di seguito le principali novità:

  • ZTL Centro Storico – la tariffa passerà da 1,20 euro/ora a 3 euro/ora;
  • Area entro le Mura Aureliane – da 1 a 2 euro/ora;
  • Zona 2 (Anello Ferroviario) – la sosta costerà 1,50 euro/ora;
  • Zona 3 (Fascia Verde e zona Est di Roma) – strisce blu con tariffa 1 euro/ora.

Strisce bianche addio nonostante quanto deciso nel 2014 dal TAR, che stabilì a suo tempo che dovessero risultare presenti anche parcheggi gratuiti nei pressi delle aree a pagamento. Ciò comporterà un incremento del 22% per quanto riguarda il numero di parcheggi con “strisce blu”: dagli attuali 75.820 fino a circa 93 mila. Da definire ancora la data di entrata in vigore effettiva dei provvedimenti, in considerazione delle necessarie operazioni di modifica alla segnaletica verticale e orizzontale, oltre alla realizzazione di campagne informative per gli automobilisti romani.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Govecs a EICMA 2017: intervista a Daniele Cesca